3 gennaio 2010

GEMELLAGGI CSI: Conversano-Terra d'Otranto

Il 3 Gennaio i Comitati di Conversano e Terra d'Otranto si sono ritrovati ad Alberobello per celebrare il gemellaggio che li ha visti protagonisti e per trascorrere una giornata all'insegna dello sport. Pioggia, freddo e anche qualche fiocco di neve hanno accompagnato l'intera manifestazione ma non hanno scoraggiato bambini, genitori, accompagnatori e dirigenti, che hanno preso parte, nella mattinata, alla gara di Orienteering per le vie del centro storico alberobellese alla ricerca delle lanterne e alla scoperta della Città dei Trulli. L'impegno e la temerarietà di tutti sono stati premiati, al termine della gara, con della cioccolata calda.

INSIEME SI VINCE…

Il 3 Gennaio i Comitati di Conversano e Terra d'Otranto si sono ritrovati ad Alberobello per celebrare il gemellaggio che li ha visti protagonisti e per trascorrere una giornata all'insegna dello sport. Pioggia, freddo e anche qualche fiocco di neve hanno accompagnato l'intera manifestazione ma non hanno scoraggiato bambini, genitori, accompagnatori e dirigenti, che hanno preso parte, nella mattinata, alla gara di Orienteering per le vie del centro storico alberobellese alla ricerca delle lanterne e alla scoperta della Città dei Trulli. L'impegno e la temerarietà di tutti sono stati premiati, al termine della gara, con della cioccolata calda.
"Nonostante le avversità atmosferiche, non previste, che hanno in parte vanificato il momento sportivo, - ha commentato il Presidente Regionale Dino Diso - credo che il messaggio sull'importanza dello stare insieme, della condivisione di valori e principi che contraddistingue il C.S.I. sia stato colto da tutti i partecipanti soprattutto durante la celebrazione della S. Messa e la visita guidata al Presepe vivente." In un'atmosfera irreale quanto suggestiva e indimenticabile, soci e dirigenti dei due Comitati, nel pomeriggio, hanno visitato il Presepe vivente allestito nell'incantevole scenario dei Trulli diventando i protagonisti delle scene rappresentate.
Per grandi e piccoli è stata una giornata lunga e impegnativa, densa di emozioni ed esperienze, che si è conclusa al Palazzetto dello Sport di Alberobello, dove sono scesi in campo in un avvincente mini torneo di pallavolo genitori e figli. Un momento significativo che sostiene e rispecchia in pieno la filosofia del C.S.I. di educare e trasmettere valori, giocando.
Riprendendo le parole del Presidente Dino Diso - "Quando le persone si incontrano, imparano la filosofia della condivisione. È possibile giocare e divertirsi in maniera semplice. Queste sono occasioni per stabilire relazioni più intime tra genitori e figli, tra dirigenti e atleti. Insieme si vince! E noi oggi insieme abbiamo vinto una serie di sfide."
Un riconoscimento particolare è andato a Don Nicola Del Nero, consulente ecclesiastico che ha speso gran parte della sua vita a sostenere il progetto C.S.I. Nella celebrazione della S. Messa, durante l'omelia ha voluto ricordare il primo gemellaggio della storia dell'umanità e "la tanta ed eroica pazienza delle nostre donne a seguirci e sostenerci nella mission del C.S.I., che solo il vero amore può alimentare."
A conclusione del gemellaggio tra i Comitati di Conversano e Terra d'Otranto il bilancio è senz'altro positivo. L'entusiasmo di aver vissuto un'esperienza importante sarà un incentivo in più per rincontrarsi in Terra d'Otranto. "È stata una giornata piacevole. Queste iniziative insegnano a vivere meglio anche quando tutto ciò richiede di sacrificare affetti, familiari o altre attività. Abbiamo dimostrato che l'essenziale per grandi e piccoli è fatto di spontaneità, di gesti e comportamenti, di proposte sportive-educative vissute con serenità e allegria, di difficoltà contingenti superate con la buona volontà. - ha commentato con evidente soddisfazione il Presidente Regionale Dino Diso, al momento dei saluti - Porterò sempre nel cuore il sorriso compiaciuto della comitiva di Terra d'Otranto per aver trascorso un'esperienza diversa e indimenticabile. Ringrazio consiglieri e soci del Comitato di Conversano per l'impegno organizzativo dimostrato e per il grande spirito di ospitalità con cui avete accolto gli atleti, i dirigenti e i genitori. Ora non mi resta altro che darvi appuntamento in Terra d'Otranto."