Schwazer: con i sacrifici ho trasformato il sudore in oro!

Schwazer: con i sacrifici ho trasformato il sudore in oro!
"Per me è un piacere e un onore essere chiamato in causa per questa importante giornata  dedicata all’atletica leggera. La mia vita da atleta mi ha riservato tante gioie e i numerosi sacrifici fatti mi hanno permesso di trasformare un sogno in realtà, il sudore in oro.
Io la mattina mi alzo, faccio colazione, mi alleno, mangio. Nel pomeriggio un po' di riposo, poi di nuovo allenamento, cena e a letto presto. Non sono un tipo mondano.e anche adesso, dopo l'oro di Pechino, la mia vita non cambia. Continuero' ad allenarmi con l'obiettivo di migliorarmi sempre, e di vincere la prossima competizione. A tutti voi dico questo: “fate sport perche' fa bene, vi aiuta a condurre una vita sana e serena, ma soprattutto perche' e' bello. Anche i giovani dovrebbero ritrovare il gusto della fatica, che credo si sia un po' perso. L'atletica e' molto varia e ognuno può, a qualsiasi eta', trovare la disciplina che fa per lui e divertirsi. L'importante e' mettersi in gioco".
 
Alex Schwazer
 
 
"L’atletica come nessun altro sport è fatto di alti e bassi, così ti accresce di una particolare maturità. Ma ciò che credo sia importante per tutti voi  per la vostra crescita, è porsi degli obiettivi, avere la misura da raggiungere e dare il meglio di sé. Date il meglio di voi, non abbattetevi quando le cose vanno un po’ male; c’è sempre domani per fare meglio. Sono reduce da Pechino e dal Meeting di Zurigo. Bene, anche a livelli altissimi, ciò che mi fa andare avanti è la passione ed il divertimento. Vi immagino, grazie al Csi, a rincorrere tempi e poi subito saltare nella sabbia o sui materassi alla conquista di un’altra medaglia.  Con grande affetto ricordo quei tempi quando anch’io mi divertivo a provare ogni disciplina dell’atletica. Ho fatto di tutto: velocità, ostacoli, alto, perfino la marcia…
Consigli: mantenete i livelli di tensione alti,, focalizzate gli obiettivi (come in tutte le cose della vita) ed abbiate equilibrio. Per chi va a scuola, dico poi sempre di studiare prima di tutto. Tempi e misure possono attendere".
 
Andrew Howe