10 giugno 2015

Smart Goal e Academy Viola vincono la 'Gazzetta Cup con Ringo'

La Coppa col pallone rosa a Torino e Reggio Calabria

La Smart Goal di Torino (categoria Junior) e la Academy Viola di Reggio Calabria (categoria Young) hanno vinto all’Olimpico di Roma la Finale Nazionale
Smart Goal e Academy Viola vincono la 'Gazzetta Cup con Ringo'

Roma, 10 giugno 2015 - La Smart Goal di Torino (categoria Junior) e la Academy Viola di Reggio Calabria (categoria Young) hanno vinto quest’oggi allo Stadio Olimpico di Roma la Finale Nazionale del torneo di calcio “Gazzetta Cup 2015 con Ringo”, il più grande d’Italia per ragazzi, realizzato da La Gazzetta dello Sport in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano e Ringo, un sodalizio al quale quest’anno si è aggiunta anche Macron come partner tecnico: l’azienda bolognese, infatti, ha fornito abbigliamento e attrezzature ai ragazzi iscritti e ha vestito le 24 squadre che hanno preso parte alla Finale Nazionale.

 

Nel suggestivo scenario dell’Olimpico la Smart Goal ha vinto il girone finale a quattro squadre della categoria Junior precedendo, nell’ordine, la Euro Sport Academy di Brindisi (arrivata a pari punti con la Smart Goal, ma sconfitta per 2-1 nello scontro diretto), la Eriberto Bosico di Terni e il Dueville Passo di Riva (della provincia di Vicenza).

La Academy Viola invece ha fatto suo il Torneo della categoria Young precedendo, anche in questo caso al termine di un girone finale a quattro, il Real Avella di Avellino, la Savian Savigliano di Cuneo e la Euro Sport Academy di Brindisi (unica società a qualificare due squadre alla Finale Nazionale). A premiare i vincitori sul podio è stato Aldair, ex difensore della Roma e del Brasile campione del mondo 1994.

Antonio e Andrea, gli allenatori degli “orange” reggini tornano sullo Stretto con un altro successo. “E’ stato un anno ricco di soddisfazioni, ma a questa vittoria tenevamo moltissimo. Un anno fa a San Siro perdemmo in finale e avevamo promesso al gruppo che l’anno prossimo ci saremmo riavvicinati. Ci siamo allenati tanto, anche 4 volte a settimana. Le partite sono state molto equilibrate, ma con il “mago”, il nostro numero 9, con “fantasia”, il numero 10, con il nostro piccolo “Iniesta” e con “il Matto” non potevamo fallire. Sono davvero tutti straordinari. Ora li portiamo in pizzeria a festeggiare. Poi il 18 giugno l’ultima ricorsa allo scudetto Csi , a Montecatini nel calcio a 5 under 12”. Fanno festa  sull’erba dell’Olimpico i due Andrea, Carmelo e gli altri reggini dell’ Academy Viola, società dilettantistica nell’orbita della Fiorentina.

I più piccoli calciatori dello Smart Goal di Torino hanno impiegato un po’ per capire di essere loro i campioni della Gazzetta. Sconfitti infatti nell’ultima partita del girone all’italiana a 4 squadre, credevano infatti di non avercela fatta, vedendo contemporaneamente esultare sul campo adiacente la squadra di Brindisi. In realtà il confronto diretto li avrebbe favoriti e una volta sul podio rosa è esplosa la gioia granata, colore abbinato alla squadra di Torino, proprio quello per cui in molti degli under 10 piemontesi fanno il tifo.
Il segreto del successo è molto nella filosofia innovativa del mister Andrea Golia. “Li alleno singolarmente. È una filosofia nuova con un modello di lezioni individuali”. Annuisce anche Federico Caronti, primavera dell’Udinese, allenatore in seconda della formazione granata, mentre Davide “Dado” il capitano alza la coppa sotto il cielo olimpico capitolini e la passa a “Moretto” a “Lupo”, Niccolò,  Edoardo , Paride, e Andrea.

Così come avvenuto per tutte le Fasi Cittadine, anche in occasione della Finale Nazionale sono stati assegnati i premi Ringo: il Premio Ringo Fair Play è andato alla APO Crocetta di Milano (categoria Junior), che peraltro schierava tre ragazze in campo, e al Santos di Reggio Emilia (Young), mentre per ciò che riguarda i riconoscimenti individuali, il Premio Ringo al Miglior Giocatore è andato ad  Alessandro Pallaro (del Dueville Passo di Riva) nella categoria Junior e a Gerald Edo (portiere del Savian Savigliano) nella categoria Young.

 

A coronare il sogno di scendere in campo quest’oggi all’Olimpico sono state 24 squadre (12 per categoria) provenienti da tutta Italia, ovvero le vincitrici delle 12 Fasi Cittadine. Il Torneo, a partecipazione libera e gratuita, era strutturato in categorie per fasce d’età: Junior (nati nel 2005 e 2006), con partite a 5 giocatori, e Young (nati nel 2003 e 2004), con partite a 7. Iniziata con le Fasi Interne, “Gazzetta Cup 2015 con Ringo” ha visto impegnati 40mila ragazzi, cifra record per questa manifestazione che cresce costantemente anno dopo anno. 

Gli eccezionali numeri raggiunti quest’anno dal Torneo e la sua crescita costante sono la conferma dell’eccellente lavoro svolto in sinergia con il CSI, Ringo e, da quest’anno, Macron - spiega Fabio Napoli, Direttore Marketing de La Gazzetta dello Sport -. Giocare su un palcoscenico come quello dell’Olimpico ha rappresentato per questi ragazzi un’emozione speciale ed unica, che ricorderanno per sempre. Ma l’esperienza più bella e importante di Gazzetta Cup, per tutti i 40mila partecipanti, è quella di scendere in campo, fin dalle Fasi Interne, all’insegna del divertimento più genuino”. 

" Gazzetta Cup con Ringo non è un semplice torneo, ma molto di più – dice Massimo Achini, Presidente del CSI -, perché sa esaltare al massimo le potenzialità educative dello sport e accendere i riflettori su ciò che, di positivo, le società sportive realizzano quotidianamente in tutta Italia. Far giocare 40mila ragazzi sembrava una sfida impossibile, invece l'abbiamo tramutata in realtà. Scendere in campo all'Olimpico, per alcuni di loro, è stata la realizzazione di un sogno, oltre che la degna conclusione di un’edizione da record di questo Torneo".

 

Partecipare a questo grande evento ci ha dato, anche quest’anno, la possibilità di rimarcare concretamente quella che da sempre è l’essenza di Ringo: un simbolo di amicizia, unione e fair play – sono le parole di Matteo Pauri, Marketing Director Pavesi e Grancereale -. Inoltre, per la finale di quest’anno, abbiamo voluto rendere la presenza di Ringo ancora più speciale : oltre all’assegnazione dei  premi Ringo e alla possibilità di sfidarsi alla Ringo QuickFeet, abbiamo voluto dare la possibilità, a tutti i ragazzi delle squadre finaliste, di partecipare al casting per diventare i protagonisti della nuova campagna Ringo, in onda da settembre. Ci auguriamo davvero di aver contribuito a rendere indimenticabile l’esperienza, già magica, di scendere in campo allo Stadio Olimpico di Roma”,

Siamo molto contenti della scelta fatta - afferma Gianluca Pavanello, amministratore delegato di Macron -: affiancare Gazzetta Cup ha contribuito a consolidare Macron come il brand leader riconosciuto nel mondo del calcio, dai grandi campioni ai giovanissimi che si sono appena affacciati a questo bellissimo sport”.

  

La novità di quest’anno era rappresentata dal contest Ringo Quick Feet, un gioco nel quale hanno potuto cimentarsi i ragazzi partecipanti a Gazzetta Cup e tutti i loro coetanei che hanno voluto prender parte a questa divertentissima sfida basata sulla rapidità e la precisione nel calciare il pallone. Il contest si è svolto con successo in occasione di tutte le Fasi Cittadine e alla Finale Nazionale. Sono stati assegnati due premi per ciascuna categoria (Junior e Young): un completo da calcio Ringo e un pallone autografato da Stephan El Shaarawy sono andati ai vincitori del contest; è stato anche messo in palio ed estratto a sorte, tra tutti i partecipanti, un altro pallone autografato da El Shaarawy.

 

Smart Goal e Academy Viola vincono la 'Gazzetta Cup con Ringo'

Ti potrebbe interessare anche