Welfare
16 marzo 2016

Progetto 3SP: Special Sports for Special People

Gli scorsi 10 e 11 Marzo si è svolto in Germania, presso Frechen, il Kick off Meeting del progetto europeo 3SP - “Special Sports for Special People”
Progetto 3SP: Special Sports for Special People

L'Area Welfare della Presidenza Nazionale del Centro Sportivo Italiano ha partecipato al Kick-off Meeting del progetto europeo 3SP- "Special Sport for Special People". Il progetto, presentato dalla “Scuola Centrale Formazione” di Bologna è votato alla sperimentazione di moduli formativi per favorire l’inclusione sociale attraverso lo sport.

L’evento ha avuto lo scopo di far incontrare e presentare, per la prima volta, tutti i partner progettuali: Germania (Christliches Jugenddorfwerk Deutschlands), Gran Bretagna (Coleg Cambria), Croazia (Grad Pula- Pola), Spagna (Department for Social Affairs - Generalitat de Catalunya), Belgio (CEC – Comité Européen de Coopération, ALTEO Sport) e Italia (CSI – Centro Sportivo Italiano, Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri, ENAC – Ente Nazionale Canossiano Associazione).

Il progetto mira a:

- promuovere l’attività del volontariato sportivo tra i ragazzi compresi tra i 14 e 18 anni.

- sviluppare dei Kit educativi e metodologie comuni riguardo:

1) L’educazione alla pratica sportiva e all’attività fisica per il miglioramento della salute, la prevenzione delle malattie connesse ad uno stile di vita sedentario, all’obesità, allo stress o all’uso di sostanze dopanti.

2) L’educazione ad uno sport inclusivo e integrato per il miglioramento dello stile di vita delle persone svantaggiate e come strumento di inclusione sociale.

3) L’educazione all’importanza dello sporte dell’attività fisica per lo sviluppo delle abilità cognitive e delle competenze.

In particolare, in questo primo step progettuale, il partner italiano, Fondazione Casa di Carità Arti e Mestieri, responsabile della WP1, ha condiviso con la partnership i criteri comuni per lo sviluppo dei Kit educativi e la relativa definizione di una comune metodologia di lavoro.

Il CSI si ritiene soddisfatto per aver collaborato alla stesura di una proposta progettuale che, in seguito, è risultata ben contestualizzata e connessa ai documenti europei sullo sport (Libro Bianco dello Sport).