31 marzo 2016

Lazio - Roma in oratorio a Torbellamonaca

Cataldi e Manolas hanno incontrato i ragazzi dell’Oratorio S. Maria Madre del Redentore in un derby di selfie ed amicizia

Grande entusiasmo per i ragazzi della Junior Tim Cup, il torneo di calcio a 7 riservato agli under 14, promosso da TIM, Lega Serie A e Csi, che giovedì 31 marzo hanno ospitato nell’oratorio periferico capitolino S.S. Lazio e A.S. Roma, rappresentate da Danilo Cataldi e Kostas Manolas
Lazio - Roma in oratorio a Torbellamonaca

Roma, 31 marzo 2016 – Selfie e calci al pallone. Oggi i ragazzi della Junior TIM Cup – il torneo di calcio a 7 riservato agli under 14 promosso da Csi, TIM e Lega Serie A - hanno incontrato Danilo Cataldi della S.S. Lazio e Kostas Manolas dell’A.S. Roma all’Oratorio Santa Maria Madre del Redentore di Roma, nel cuore di Tor Bella Monaca. Sono intervenuti per l’occasione anche Marco Brunelli, Direttore Generale Lega Serie A, e Alessandro Pellas, componente della Presidenza nazionale del Csi che ha portato i saluti del Presidente nazionale Massimo Achini e del presidente provinciale Daniele Pasquini. Erano tanti i giovani calciatori presenti all’incontro e le famiglie al seguito ad accogliere i due campioni della serie A, prossimi avversari domenica all’Olimpico. I piccoli Federico e Simone hanno rivolto loro domande, cui i due calciatori hanno risposto così.

 

Danilo Cataldi: “Noi per loro siamo degli idoli, ma i ragazzi qua presenti, così numerosi e che si divertono, sono per noi da stimolo. Anche io ho giocato tante volte in oratorio, è sempre bello dare due calci al pallone sia se lo fai in Serie A TIM che in un semplice campetto. Essere capitano della Lazio per la prima volta è stato il coronamento di un sogno: scendere in campo con la fascia al braccio davanti a tutti quei campioni è stata un’emozione indescrivibile”.

 

Kostas Manolas: “Quando vedi questi ragazzi hai la conferma che il calcio è una cosa meravigliosa. Loro devono mettercela tutta per migliorare, e le basi devono porle proprio qua in oratorio. Devo la mia crescita da calciatore a mio zio, ex giocatore, e a mio padre, che mi hanno indicato la strada giusta e io ho saputo percorrerla: adesso sono qua e mi ritengo davvero fortunato”.

 

Per tutti i presenti è stato un pomeriggio di intense emozioni. Prima un momento di confronto con qualche domanda rivolta ai rappresentanti di S.S. Lazio e A.S. Roma e la consegna della maglia “Uno di Noi”; poi, alcuni giovani calciatori della Junior TIM Cup sono scesi in campo per giocare insieme ai loro beniamini. Tra un sorriso e un calcio al pallone, i ragazzi hanno avuto la possibilità di scattare qualche selfie da postare sui propri profili social per raccontare, attraverso gli hashtag #juniortimcup e #jtc4, i sogni e le emozioni regalate dalla giornata di oggi.

 

Tra pochi giorni la Junior TIM Cup farà nuovamente tappa a Roma, quando all’Olimpico nel pre-partita di Lazio-Roma, il derby fra oratori sarà fra Monteverde e Garbatella, storici quartieri romani rappresentati dai loro ragazzi e dalle squadre della Parrocchia Regina Pacis e della Parrocchia San Filippo Neri alla Garbatella si sfideranno in un’amichevole sotto lo sguardo dei loro beniamini e del pubblico presente sugli spalti dello stadio Olimpico di Roma.

Con loro a centrocampo anche Mons. Lorenzo Leuzzi, vescovo ausiliare della diocesi di Roma.
 

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sito www.juniortimcup.it

Lazio - Roma in oratorio a Torbellamonaca