6 maggio 2017 - 7 maggio 2017
Roma

Officina dello sport: il 6 e 7 maggio a Roma un pit stop associativo

Officina dello sport: il 6 e 7 maggio a Roma un pit stop associativo

Il 6 e il 7 maggio 2017 il Csi aprirà a Roma, presso l’Istituto Patristico Agostiniano, a due passi da Piazza San Pietro, l’Officina dello sport – corpo e anima dell’organizzazione un incontro nazionale con i dirigenti dei comitati regionali e territoriali, i consiglieri nazionali, le commissioni tecniche, gli organi giudicanti, le commissioni arbitrali, tutti coloro che si occupano dell’attività sportiva organizzata e della formazione dei tecnici. Un pit stop associativo, per oliare il motore, controllare i livelli, effettuare una messa a punto della macchina arancioblu, e ripartire nel cammino educativo attraverso lo sport.

In preparazione alla due giorni capitolina in maggio, sul sito qui di seguito e sui canali social del Csi sarà attivo un forum di discussione, con approfondimenti, commenti, interventi per stimolare il lavoro dell’Officina.

In allegato alla notizia il programma di massima e le note logistiche. Per iscriversi è necessario compilare il modulo on-line entro il 19 aprile.

1) La mission educativa dello sport

1) La mission educativa dello sport

L'attività sportiva è il "principio generativo" della vita associativa del CSI. Essa è fatta di relazioni, di accoglienza, di partecipazione democratica, di solidarietà nella giustizia.

L'attività non è soltanto un settore d'impegno dell'Associazione ma la sua struttura portante, il cuore della sua proposta educativa.

 

 

 

 

Approfondimenti:

1.1) Il senso dello “sport” e dell’ “organizzazione  sportiva”

1.2 ) I valori dello sport e nello sport: l’intenzionalità educativa, le regole, l’impegno sociale

1.3) Capacità di coinvolgimento e periferie esistenziali cui tendere

1.4) Sport e terzo settore: battitori liberi o gioco di squadra?

1.5) Raccontare il CSI: gli strumenti di comunicazione e il territorio

 

Storie CSI:

'Fischietto oltre il muro' a Lecce

CSI Ascoli Piceno ai giovani: “Non mollare mai!”

 

2) Le attività sportive

2) Le attività sportive

La scommessa del CSI intende sostanziarsi con una progettualità di forte impatto: generare esperienze sportive, tecnicamente definite, orientate alla crescita umana dei partecipanti e sostenute da un’azione formativa qualificante degli operatori e dei dirigenti impegnati. A fianco a circuiti di attività già consolidata, come ad esempio quella dei Campionati nazionali, emerge il ruolo della pratica sportiva intesa come loisir, come ricerca del benessere fisico, cura del proprio corpo, rapporto immediato con la natura.

Approfondimenti:

2.1) Le discipline emergenti 

2.2) Combattimenti: quale liceità? 

2.3) Attività giovanile: 3 domande a...Beppe Basso

2.4) Discipline sportive emergenti. Tre domande a…Alessandro Rossi

2.5) Tornei promozionali e gran prix turistici. Tre domande a…Alessandro Rossi

2.6) Sport&Go: 3 domande a…Giulj Picciolo

2.7) Attività a progetto: 3 domande a...Maurizio Caterina

2.8) Campionati nazionali sport di squadra: 3 domande a…Renato Picciolo

2.9) Campionati nazionali sport individuali: 3 domande a…Pietro Albanese

 

Storie CSI:

Sport&Go, vince l'allegria e il divertimento dei bambini delle scuole

CSI Faenza: Si chiude GiocaSport, coinvolti oltre un migliaio di bambini

3) Gli strumenti

3) Gli strumenti

Il cuore dell’organizzazione è costituito dal lavoro delle Commissioni siano esse tecniche, arbitrali o di giustizia sportiva.

Meccanismi di uno stesso orologio, queste componenti permettono nella complessità dell’azione sincrona, la progettazione e la concretizzazione dell’attività sportiva.

Le difficoltà operative non mancano facendo trasparire il bisogno di ulteriori strategie, forze e/o strutture organizzative a sostegno di quanto si realizza.

Approfondimenti:

3.1) La gestione informatica dell’attività sportiva 

3.2) I regolamenti organizzativi: semplificazione possibile? 

3.3) Una formazione al servizio dell’attività sportiva

3.4) Organizzazione degli eventi

3.5) Dai regolamenti degli eventi al DOAS 

3.6) Formazione e Scuola: 3 domande a…Beppe Basso

3.7) Lucchetto chiuso o aperto?

3.8) Convenzioni, perché?

3.9) Regole - pensieri sparsi

3.10) Coordinatori attività sportiva e formazione: quale collaborazione?

 

Storie CSI:

Csi Potenza e Liceo "Gianturco", intesa su alternanza scuola-lavoro

4) Le commissioni tecniche

4) Le commissioni tecniche

Una Commissione tecnica oggi è un organo che gestisce gli interessi del proprio Comitato e più in generale dell’intero CSI, in quello specifico settore. Conosce il territorio, sa cogliere nuove tendenze, sa proporre nuove idee, sa dialogare con le società sportive (le nostre ma anche quelle esterne al CSI), sa aprire nuovi varchi, sa incrementare i propri numeri, sa rendicontare tutto ciò che fa; insomma è un organismo “manager” in tutto e per tutto.

 

 

Approfondimenti:

4.1) Organi e organismi tecnici: ruolo e responsabilità

4.2) Atleti con disabilità: 3 domande a…Commissione tecnica nazionale disabili

4.3) Il ruolo della Commissione tecnica nazionale calcio

4.4) Commissione Tecnica Pallavolo: 3 domande a…Davide Morstofolini

 

Storie CSI:

Csi Feltre: nasce la commissione nordic walking

Csi Reggio Emilia: una gara per includere i disabili nello sport

5) Gli arbitri

5) Gli arbitri

Da sempre il Centro Sportivo Italiano si è interrogato sulla necessità di proporre una figura di arbitro distintiva, rispondente alla propria scelta di fondo di educare attraverso lo sport. Per questo motivo, arbitri e giudici di gara, oltre alla loro specifica funzione di bravi direttori di gara negli incontri e nelle competizioni, sono considerati operatori capaci di mettersi al servizio degli altri, con intelligenza, per la buona riuscita delle manifestazioni sportive e per la maturazione umana di atleti e dirigenti in esse coinvolti.

Approfondimenti:

5.1) Arbitri e giudici di gara: partecipazione sportiva e associativa

5.2) Arbitri e giudici di gara. 3 domande a…Beppe Basso

 

Storie CSI:

6) I giudici sportivi

6) I giudici sportivi

Il sistema di giustizia sportiva garantisce il corretto e regolare svolgimento dell’attività sportiva all’interno del CSI e garantisce l’attuazione del progetto ed educativo dell’Associazione. L’amministrazione della giustizia sportiva privilegia l’applicazione delle norme e dei regolamenti come valore e punto di riferimento, e applica le sanzioni non come strumento repressivo ma nello spirto del recupero e del reinserimento nel circuito della pratica sportiva.

 

Approfondimenti:

6.1) Una nuova giustizia sportiva?

6.2) Tra competenze e incompetenze 

6.3) Giustizia Sportiva. Tre domande a… Carmine Di Pinto

6.4) Gradi di giudizio

6.5) Incompatibilità

 

Storie CSI:

Calcio, il Csi e il cartellino azzurro

Entra anche tu nel social CSI e commenta con

#OfficinaDelloSport