22 maggio 2017

A Tolentino “Un gol per ripartire”

Csi ed Internazionale ancora a segno per i terremotati

Il presidente del Csi Bosio con il vice presidente dell’Inter nelle Marche nell'ambito della campagna di solidarietà per le popolazioni colpite dal sisma sostenuta da Suning Sports
A Tolentino “Un gol per ripartire”

"Una comunità in festa con lo sport". Queste le prime parole del presidente del Csi Vittorio Bosio, oggi Tolentino (MC), nelle Marche, nell'ambito del progetto 'Un Gol Per Ripartire', la campagna di solidarietà per le zone colpite dal sisma realizzata dal Centro Sportivo Italiano e sostenuta dall'Internazionale grazie alla donazione di Suning Sports. Obiettivo della campagna, contribuire alla rinascita sociale e sportiva dell'area attraverso tante attività dedicate ai giovani e la realizzazione di un impianto polisportivo in grado di stimolare tanto l'attività competitiva quanto quella ludica. "Il Csi è un'associazione di persone per le persone: non potevamo rimanere indifferenti alle richieste di riscatto e di ripartenza di questa comunità. Serve stare insieme e assieme all’Inter c’è subito stata comunità d’intenti. Dopo un disastro come quello accaduto mesi fa questi sono piccoli gesti che diventeranno grandi". "Un ringraziamento enorme va agli amici del Csi Macerata e del Csi Marche: senza di loro il Csi oggi esiste ed è più che mai un punto di riferimento per le comunità". Nel capoluogo maceratese con il presidente regionale Tarcisio Antognozzi, con il numero uno del Csi locale, Carlo Belvederesi, e con il direttore dell'Area Comunicazione e Relazioni Esterne Stefano Gobbi c’era anche padre Roberto Zorzolo ed un bel gruppo di animatori volontari del Csi Macerata, artefici di uno stupendo lavoro. "Tutto questo è stato possibile – ha chiosato Bosio - grazie al contributo di Suning Sport e Internazionale Fc. Un ringraziamento particolare all'amministrazione comunale per la collaborazione e l'accoglienza, davvero unica". Accanto al presidente ciessino, applauditissimo il vice presidente nerazzurro Javier Zanetti accolto da un vero bagno di folla. Dalla Basilica di San Nicola, simbolo della città fortemente danneggiata, all'area 'container' per stare vicino alla gente ancora sfollata del luogo, i due hanno incontrato i tanti ragazzi di scuole elementari e medie, in attesa della realizzazione dell'impianto sportivo, che sarà pronto in autunno.

A seguire, con il ludobus nerazzurro - presentato in aprile ad Appiano Gentile e già in moto attraverso il territorio marchigiano per più di un’iniziativa di gioco e festa - c’è stato il trasferimento al Teatro Politeama attesi dal sindaco di Tolentino, il rossonero Giuseppe Pezzanesi. Lì sono stati presentati quindi alla gente il 'Progetto Estate' e il 'Progetto Formazione', sviluppati dal Csi, con il Settore Giovanile Nerazzurro e Inter Campus. Nell'ambito del 'Progetto Estate', nelle settimane del 17 e 24 luglio gli allenatori nerazzurri si dedicheranno a camp di formazione per i ragazzi dai 6 ai 14 anni, mentre il 'Progetto Formazione' partirà da ottobre e punterà alla formazione dei tecnici locali.

"L'Inter è da sempre vicina a chi ha bisogno, il nostro supporto alle popolazioni colpite dal terremoto non poteva mancare – ha ribadito il vicepresidente interista Zanetti - ci teniamo tantissimo ad essere vicino a queste persone che hanno sofferto molto e tuttora sono in difficoltà. Vedere e sentire dal vivo quello che è successo mi ha colpito molto e sono ancora più orgoglioso di quanto con l'Inter e con Suning Sports stiamo facendo per queste zone in difficoltà, per queste persone, per le famiglie, per i ragazzi. Abbiamo un progetto che è un percorso per non lasciare sola questa gente nel tempo, perché per noi la responsabilità sociale è importantissima, in Italia e all'estero. E l'esempio di Inter Campus in tutto il mondo è significativo. L'aiuto deve essere costante, non un mordi e fuggi: per questo siamo qui oggi per ripartire dalle persone. Quindi diverse saranno le tappe: dal Ludobus che raggiunge tutte le aree colpite e porta divertimento, dai camp estivi con i nostri allenatori fino alla realizzazione di una struttura sportiva polivalente. Lo sport é uno strumento importantissimo per aiutare chi é in difficoltà. Essere vicini e dare una mano per noi vuol dire tanto. Ringrazio la gente di qui per l'affetto dimostratomi oggi. Una grande emozione"


 

Presenti anche i coordinatori degli Inter Club di Marche e Umbria, insieme ai tifosi nerazzurri di Tolentino, Camerino, Pollenza e San Severino Marche.

Ad usufruire della struttura polivalente prevista e delle diverse iniziative ideate gli oltre 20.000 abitanti dell'area di Tolentino, 5.000 dei quali si sono ritrovati senza abitazione a causa delle conseguenze del sisma. Il percorso itinerante del Ludobus coprirà un percorso di circa 30.000 km che si snoda tra le province più colpite dalla calamità naturale.

 

A Tolentino “Un gol per ripartire”

Entra anche tu nel social CSI e commenta con

#UnGolperRipartire