1 luglio 2017

Il Csi presenta S Factor

Diretta streaming sul canale Youtube del Centro Sportivo Italiano

Venerdi 7 luglio presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio il Csi presenta «S Factor», un confronto sull’importanza dello sport in Italia e nella società civile. Più sport come fattore di sviluppo, coesione ed educazione
Il Csi presenta S Factor

Più sport come fattore di sviluppo, coesione ed educazione. È così che il Centro Sportivo Italiano lancia l’S Factor, quel fattore sport, su cui ci si confronterà il prossimo 7 luglio presso la Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio. Attesi all’appuntamento autorevoli interlocutori istituzionali, a cominciare dal Ministro dello Sport, Luca Lotti e dal vicepresidente della Conferenza Episcopale Italiana, mons. Mario Meini. L’S Factor è il prodotto di alcuni numeri, analisi e dati concreti, che il Csi evidenzierà in quest’ importante occasione per avviare un confronto critico, costruttivo, scientifico, sul valore e sui valori aggregabili dell’attività sportiva giovanile, promossa in tutta Italia dai comitati e dalle società sportive, sull’impatto economico generato e sul contributo e l’apporto offerto allo sviluppo delle politiche giovanili. Una vitale lettura dello sport, con un’energia rinnovata e uno slancio positivo verso un futuro in cui l’associazione di ispirazione cristiana intende presentarsi come un integratore sociale a base di sport. Spiega infatti il direttore generale del Csi, Michele Marchetti: «Se si vuole davvero investire in salute, benessere, prevenzione e comunità delle persone, occorre iniziare a misurare le ricadute delle esperienze sportive, soprattutto in riferimento ai più giovani. Non tutto lo sport è uguale ed ha le stesse conseguenze sulla vita delle persone. Quello promosso dalle società sportive del CSI mette in gioco valori umani e valori socio–economici che spesso sono sottovalutati e che, invece, risultano strategici per promuovere politiche di sviluppo e di coesione sociale, a partire dai territori e dai bisogni e sogni delle persone. Vorremmo dimostrare ed illustrare quanto valgono le società sportive giovanili, quali avamposti di cultura sportiva, di aggregazione, di educazione». Il convegno darà voce ad alcune testimonianze delle realtà territoriali che contraddistinguono lo stile, i metodi e la sensibilità delle iniziative del Centro Sportivo Italiano, rispetto ai diversi ambiti dello sport sociale. Ne emergerà un percorso che unirà persone ed istituzioni nel riconoscere allo sport una componente essenziale della vita sia dei singoli, sia delle comunità. Lo sport di promozione sociale è, quindi, prima di tutto, quello giovanile, progettato con la continuità dei campionati e percorso dalla costante volontà di integrazione dei diversamente abili, degli stranieri, di quelli che sanno giocare bene e meno bene; realizzato nelle periferie e nei quartieri più complessi, reinventando gli spazi del gioco e dell’incontro sportivo; organizzato e gestito da allenatori, giudici, dirigenti appassionati e motivati, competenti e pronti ad intraprendere le strade dell’impresa sportiva. Il filo rosso che caratterizzerà la giornata a Montecitorio sarà dunque la ricchezza del circuito esperienziale legato agli ambiti del Terzo Settore, che intende aprire la strada ad un modello associativo nuovo e più adulto.

Sarà possibile seguire la diretta streaming a partire dalle ore 15 di venerdì 7 luglio sul canale Youtube del Centro Sportivo Italiano https://www.youtube.com/user/CSIsocial

Allegati