Attività Sportiva
17 marzo 2015

Comincia la nuova stagione delle Finali Nazionali CSI

Comincia la nuova stagione delle Finali Nazionali CSI

Ci siamo! Forse bisognerebbe dire: ci risiamo!!! L’entusiasmo, come d’incanto si rinnova. Ripartono i campionati nazionali del CSI.

Il primo a prendere il via è il circo bianco del campionato di sci. Trenta sacerdoti e 460 atleti si cimenteranno per quattro giorni, dal 19 al 22 Marzo, sui campi di sci allestiti al Passo del Tonale.

Neanche il tempo di riporre sci e scarponi e si parte per il Veneto. A Piazzola sul Brenta, Abano e Montegrotto, infatti, tra Sabato 28 e Domenica 29 Marzo, è di scena la diciottesima edizione del Campionato Nazionale di Corsa Campestre.

Quasi 1800 gli atleti partecipanti, un numero record per il Cross CSI, la kermesse nazionale più significativa tra tutte quelle promosse dalla nostra associazione.

Numeri rilevanti non ci sono dubbi.

Non è sulla rilevanza dei numeri, però, che intendo fondare la mia riflessione.

Un esempio per tutti: sapete quante gare sono “costretti” a disputare gli atleti della Lombardia per accedere alla finale nazionale di corsa campestre? Almeno cinque.

È del tutto evidente che un impegno del genere comporti, tra fasi provinciali e regionali, almeno quattro o cinque mesi di attività. Un fermento di indubbia rilevanza sul piano socio-culturale se si pensa al numero di allenamenti che gli atleti sono indotti a effettuare; al rapporto costante e biunivoco tra atleti e allenatore; al naturale coinvolgimento dei genitori, in particolare per gli atleti più giovani, nel processo di maturazione fisica e psicologica dei propri figli.

Non sono questi i valori più evidenti di un’associazione che fonda il proprio impegno sulla valorizzazione della persona?

Mi capita di ascoltare dalla viva voce di autorevoli dirigenti del CSI che i campionati nazionali si configurano come eventi estemporanei, privi di valenza culturale e del tutto avulsi dall’attività formativa che le società sportive del CSI sono chiamate a svolgere nel proprio territorio.

Naturalmente la penso in modo diametralmente opposto.

Comunque, non mi sottrarrei per nessun motivo ad un confronto a tutto campo su questo tema.

L'angolo del Direttore Tecnico Nazionale

Comincia la nuova stagione delle Finali Nazionali CSI

Renato Picciolo

Direttore Tecnico Nazionale