Centro Sportivo Italiano - Presidenza Nazionale - Notizie http://www.csi-net.it Feed RSS Notizie della Presidenza Nazionale del CSI <![CDATA[ A Bellaria 549 Karateka per i titoli nazionali CSI ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3438 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3438

Sabato 29 e domenica 30 aprile a Bellaria (RN) i kata e i kumitè del 15° Campionato Nazionale di Karate e del 3° Campionato Nazionale di Kobudo. ]]>

Sabato 29 e domenica 30 aprile a Bellaria (RN) i kata e i kumitè del 15° Campionato Nazionale di Karate e del 3° Campionato Nazionale di Kobudo.

Sono 549 i karateka che il 29 e il 30 aprile gareggeranno a Bellaria (RN) per contendersi il titolo di campione del Centro Sportivo Italiano. Alla cerimonia di apertura, in programma alle ore 15 di sabato, sfileranno le 52 società sportive rappresentative di 5 regioni. A bordo dei tatami saranno 24 gli ufficiali di gara e 43 gli arbitri che andranno ad assegnare i punteggi nei kata e nei kumitè del finale di stagione arancioblu. Dei 12 comitati territoriali presenti, i più rappresentati sono Bergamo (149), Mantova (141) e Bologna (84). Anche in questa finale, è rilevante la straordinaria partecipazione giovanile: il 60% dei karateka infatti, sono giovani under 14. A sottolineare poi - oltre alla caratteristica sviluppo dell’autocontrollo e della concentrazione in questa disciplina sportiva - anche il valore dell’integrazione, tipico della mission sportiva del CSI: alcuni atleti con disabilità, circa una ventina potranno scegliere se gareggiare o meno con i normodotati. Nel kata integrato a coppie infatti l’atleta con disabilità sarà infatti in gara con un atleta normodotato.

“Ci attendiamo una buona gara, di qualità – spiega Davide Reggiani, referente nazionale della commissione tecnica nazionale di karate – stiamo riscontrando nel nostro circuito sia di karate sia di kobudo una forte crescita del livello tecnico delle gare; il kumitè è poi in forte aumento”.

La società Arti e Lealtà di Bologna, è la squadra con più atleti finalisti (52). A seguire l’ASD Karatemantova (50) che l’anno scorso vinse la speciale classifica di società e la Karate Club Valtellina (29).

Si comincia sabato pomeriggio, dopo la cerimonia di apertura, con le gare a coppie e a squadre nelle diverse categorie più esperte (Esordienti - Cadetti e Juniores – Master) e con le gare degli atleti disabili. Si proseguirà poi con le gare di kata e kumitè individuali. Domenica sui tatami le categorie giovanili, bambini – ragazzi, nelle gare e coppie e a squadre. Seguiranno le gare di kobudo, kata e kumitè individuali con armi imbottite in gomma, dunque in completa sicurezza.

Il karate è una disciplina che non conosce “generazione”, lo dimostrano le età dei partecipanti: si va dal più piccolo karateka Samuele Arbini di 5 anni dell’ASD Karatemantova all’esperienza del quasi 70enne scaligero Uberto Saggion dell’AKV Verona.

Oltre alla premiazione per ogni categoria, verrà stilata anche una classifica per società.

]]>
<![CDATA[ Il cinque per mille al Csi ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3437 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3437

]]>

Sostieni anche tu la promozione sportiva e l’attività giovanile, donando il cinque per mille alla Presidenza Nazionale del Centro Sportivo Italiano. È facile e non costa nulla; consente però a tante piccole società sportive e parrocchie sul territorio di continuare a promuovere una sana educazione sportiva per piccoli, adulti ed anziani, soprattutto in questo momento storico, in cui l’associazione sta investendo sul gioco e lo sport fra le generazioni preadolescenti, il futuro dello sport italiano, e in cui la crisi economica ha ridotto notevolmente le risorse pubbliche a disposizione dello sport. Sarà un modo per continuare ad incrementare l'attività sportiva dilettantistica e a far godere dei tanti benefici, in termini di salute, benessere ed educazione che la nostra associazione da sempre coltiva.

Per donare il cinque per mille alla Presidenza Nazionale del CSI è sufficiente apporre la tua firma nella Certificazione Unica, nel 730 oppure nella dichiarazione UNICO 2017, sul riquadro dedicato alle ONLUS e alle Associazioni di Promozione Sociale, indicando il seguente codice fiscale 80059280588.

 

Il CSI - Presidenza Nazionale non è un'associazione sportiva dilettantistica per cui è bene non iscrivere il codice fiscale e la firma nella sezione dedicata alle ASD.

La Presidenza del CSI ringrazia anticipatamente tutti coloro che faranno dono del 5 x mille.

]]>
<![CDATA[ Due gol per ripartire ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3436 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3436

Doppia tappa adriatica. Il 24 e 25 aprile dalle colline picene al Conero primi km per il van griffato Csi, Inter e Suning Sports. Giochi, sport ed animazione a Monteprandone per la “TerremotoCup” e a Sirolo ]]>

Doppia tappa adriatica. Il 24 e 25 aprile dalle colline picene al Conero primi km per il van griffato Csi, Inter e Suning Sports. Giochi, sport ed animazione a Monteprandone per la “TerremotoCup” e a Sirolo

A Monteprandone la “TerremotoCup”.

Il 24 aprile, ad 8 mesi esatti dal sisma del 2016, un pomeriggio di gioco è stato organizzato dal CSI Comitato Provinciale di Ascoli Piceno e dalla Diocesi di San Benedetto del Tronto, con le squadre dei Terremotati  formata dai ragazzi di Amatrice, Arquata, Accumoli, degli Amministratori formata dai sindaci dell’ANCI, la squadra dei Volontari coordinata dal Csi formata dai rappresentanti dei Vigili del Fuoco, dell’Esercito,  della Protezione Civile, dal Servizio Civile, Azione Cattolica, Centro Sportivo Italiano e dalle altre Associazioni  che prestano servizio nei luoghi di ospitalità, e la Nazionale dei Sacerdoti  SIC, tutti in campo per giocare la stessa partita, quella della ricostruzione, non solo quella degli edifici, ma anche e soprattutto quella fra le persone e le relazioni.

Al grido di Un Gol per ripartire! sono scesi in campo, tutte le squadre raccolte a centro campo con gli arbitri del Csi piceno hanno osservato un minuto di silenzio e poi sulle note dell’inno di Mameli si sono stretti al ricordo di quel famoso 24 agosto che ha segnato in modo indelebile le vite di tutti.

Le squadre si sono affrontate in campo con partite da tempi unici. Ha vinto la rappresentativa dei Terremotati che si è imposta sulla squadra formata dagli amministratori dell’ANCI Marche per 3-0 mentre la squadra dei volontari si è imposta sulla squadra dei sacerdoti per 3 a 1. 

Nella Santa Messa, officiata in memoria delle vittime del terremoto, che ha preceduto l’evento sportivo, concelebrata dai sacerdoti della SIC e dai due vescovi, Mons. Giovanni D’Ercole vescovo di Ascoli Piceno e Mons. Carlo Bresciani vescovo di San Benedetto del Tronto-Ripatransone-Montalto, è stato ricordato l’importanza di essere comunità, ricostruire relazioni per rinascere come persone.

All’interno dell’evento è stato allestito un villaggio dello sport per i bambini e le famiglie con il supporto del Ludobus “Un Gol per ripartire”, griffato Csi, Inter e Suning Sports alla sua prima tappa solidale nei territori colpiti dal sisma, dopo la presentazione ad Appiano Gentile. Gioco, divertimento e speranza: aver regalato un pensiero felice nella memoria dei tanti segnati da giorni di tristezza e dolore, con lo sport si può ridare quella speranza che è il segno del nostro Csi.

 

A Sirolo il 25 Aprile è nella solidarietà

Il Camping Green garden di Sirolo il 25 Aprile ha vissuto una giornata diversa, all’insegna dell’animazione e della solidarietà. In questo campeggio sono ospitate numerose famiglie provenienti dall’area dell’alto maceratese duramente colpita dal sisma di ottobre e martedì hanno trascorso la giornata di festa insieme al Csi di Macerata

I volontari arancioblu hanno allestito due campi di gioco, uno per la pallamano, calcetto e pallavolo, mentre l’altro per i più piccoli ma anche per i loro genitori, con una grande pista di biglie, attrezzi per giocare ad hockey sull’erba, baby dance e numerosi materiali con cui creare percorsi per far divertire i bambini. Sempre protagonista il “ludobus” nerazzurro un van dotato di tutto il necessario per organizzare giochi e altre attività, donato dalla Internazionale FC, Suning Sports e dal CSI nazionale, nell’ambito del progetto “Un gol per ripartire”, che prevedrà nel territorio marchigiano anche una serie di campi estivi con animatori da tutta Italia e la costruzione di un impianto polisportivo a Tolentino.

Tutti i partecipanti, non solo gli ospiti del camping ma anche molti bambini provenienti da altre strutture costiere, sono rimasti entusiasti dell’iniziativa, davvero un bel momento di sport e svago vissuto insieme.

 

]]>
<![CDATA[ Junior Tim Cup: Milan e Inter in oratorio ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3435 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3435

Giornata memorabile per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Csi, che oggi hanno accolto in oratorio Milan e Internazionale rappresentati da Manuel Locatelli, Stefano Nava, Marco Carraro e Stefano Vecchi ]]>

Giornata memorabile per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Csi, che oggi hanno accolto in oratorio Milan e Internazionale rappresentati da Manuel Locatelli, Stefano Nava, Marco Carraro e Stefano Vecchi

Milano, 26 aprile 2017 – Giornata da ricordare per i ragazzi della Junior TIM Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che hanno incontrato Manuel Locatelli e Stefano Nava dell’A.C. Milan e Marco Carraro e Stefano Vecchi del F.C. Internazionale alla Comunità Pastorale “Beato Luigi Monti” di Bovisio Masciago (MB). Hanno portato i loro saluti anche Marco Brunelli, Direttore Generale Lega Serie A, e Massimo Achini, Presidente del CSI Milano.

Manuel Locatelli: “L’oratorio fa parte della mia vita, io sono cresciuto in quello del mio paese e ancora oggi ritorno sempre con grande piacere per rivedere gli amici. Io ho iniziato proprio lì e sono arrivato a giocare in Serie A TIM quindi dico a tutti i ragazzi di crederci sempre e inseguire il loro sogno”.

Stefano Nava: “Siamo molto legati alla realtà dell’oratorio, un luogo dove si cresce, si coltivano amicizie, si conoscono i propri compagni. Qui si percorre un pezzo di strada insieme. Noi siamo allenatori ma prima di tutto educatori e dobbiamo accompagnare i giovani calciatori in questa fase della loro vita, aiutandoli ad inseguire il loro sogno”.

Marco Carraro: “È un grande piacere essere qui in mezzo a tanti ragazzi, quando ero piccolo e giocavo a calcio pensavo solo a divertirmi, l’unica cosa importante era stare con i miei amici”.

Stefano Vecchi: “Ai miei tempi non c’erano le scuole calcio, si frequentava l’oratorio dove si cresceva seguendo determinati valori e si imparava a giocare a calcio. I ragazzi devono giocare non pensando soltanto al risultato e alla vittoria ma devono condividere gioie e difficoltà, vivendo nel rispetto delle regole che devono essere alla base di tutto”.

Un pomeriggio all’insegna della condivisione e delle emozioni per tutti i partecipanti. Prima, i ragazzi hanno rivolto qualche domanda ai rappresentanti di A.C. Milan e F.C. Internazionale per poi consegnare loro la maglia “Uno di Noi”. Manuel Locatelli, Stefano Nava, Marco Carraro e Stefano Vecchi, insieme al capitano della squadra di un oratorio locale che partecipa al torneo, hanno poi firmato una speciale maglia che farà una “staffetta” in tutte le città dei prossimi incontri. Infine, alcuni dei giovani calciatori della Junior TIM Cup hanno avuto la possibilità di scendere in campo con gli ambasciatori delle squadre milanesi. Tante emozioni che i ragazzi hanno immortalato con foto da postare sui propri profili social per raccontare, attraverso l’hashtag #juniortimcup, i momenti più belli di una giornata da sogno.

La Junior TIM Cup vedrà nuovamente protagonista Milano, nel pre-partita di Inter-Napoli, quando le squadre della Parrocchia S. Giuliana e della Parrocchia SS Eusebio e Maccabei si sfideranno in un’amichevole sotto lo sguardo dei loro beniamini e del pubblico sugli spalti dello stadio Giuseppe Meazza.

Il torneo, che coinvolge gli oratori delle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM, nelle precedenti edizioni ha coinvolto oltre 41mila ragazzi in tutta Italia e quasi 3mila oratori, all’insegna dell’alleanza tra sport di vertice e di base.

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sito www.juniortimcup.it.

]]>
<![CDATA[ Corso operatore fitness di 1° livello ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3434 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3434

]]>

Nell’ambito dei Fit Games organizzati dal Centro Sportivo Italiano il 20 e 21 maggio a Genova, si svolgerà anche il corso di operatore fitness di 1° livello.    

Il corso, organizzato dalla scuola tecnici nazionale, è aperto sia a figure amministrative che tecniche (istruttori) operanti nel settore fitness e acqua fitness.

Attraverso il superamento di un test finale obbligatorio, si rilascia la certificazione del corso e l’inserimento nel registro ufficiale CSI/ANIF.

 

Iscrizioni aperte al seguente link.

 

In allegato alla notizia, il programma di massima.

 

]]>
<![CDATA[ Como e Bologna Judorate ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3432 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3432

A Cesena concluso il 15° Campionato nazionale di judo del Csi. Combattimenti di gran livello sia nelle categorie preagonistiche sia in quelle agonistiche. Oltre 500 finalisti, 55 i nuovi campioni nazionali ]]>

A Cesena concluso il 15° Campionato nazionale di judo del Csi. Combattimenti di gran livello sia nelle categorie preagonistiche sia in quelle agonistiche. Oltre 500 finalisti, 55 i nuovi campioni nazionali

Una splendida organizzazione e un livello tecnico molto alto di combattimenti hanno caratterizzato la finale del 15° Campionato nazionale di judo del Csi, appena conclusosi al Palasport di Cesena. Nella mattinata di sabato 22 aprile, dopo la partecipata cerimonia di apertura la finale nazionale è entrata nel vivo con i combattimenti delle categorie preagoniste. Sono stati 41 i titoli nazionali assegnati nelle categorie giovanili. 
Nella classifica di società dei preagonisti, ottenuta assegnando diversi punteggi in base a i piazzamenti degli atleti, sul gradino più alto del podio la società J.C. Waylog Manutenta di Como che ha collezionato ben 156 punti. I bergamaschi della Polisportiva Colognola, con 88 punti, si sono piazzati al secondo posto, davanti al Judo Bu-Sen Tradate di Varese, 80 punti utili per il bronzo.

 
Domenica 23 aprile le gare degli agonisti, cinture e pesi diverse hanno concluso il 15° Campionato nazionale di judo del Centro Sportivo Italiano. Al termine di emozionanti combattimenti, alcuni di grande sofferenza, altri con tanti ippon portati dai judoka sui tatami, i bolognesi della Polisportiva San Mamolo 2000 hanno festeggiato anche quest’anno l’oro della classifica di società degli agonisti, grazie ai 208 punti complessivi. La società felsinea è tornata a casa con 26 medaglie e 4 kimono campioni nazionali Csi: Anna Checchi, Matteo Cantelli, Erika Bartolini ed Eleonora Pini.

Subito dietro d’argento i lariani della Asd Lenno che con 139 punti che hanno staccato i corregionali del Judo Club Samurai di Lecco. Nella classifica individuale sono 55 i nuovi campioni nazionali arancioblu nelle diverse categorie e classi di peso.  

Tutte le classifiche

]]>
<![CDATA[ La Junior Tim Cup in campo allo Juventus Stadium ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3431 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3431

A Torino, prima di Juve-Genoa, le squadre dell’Oratorio Suor Paola di Bosconero e della Parrocchia S. Martino di Rivoli hanno pareggiato per 4-4 ]]>

A Torino, prima di Juve-Genoa, le squadre dell’Oratorio Suor Paola di Bosconero e della Parrocchia S. Martino di Rivoli hanno pareggiato per 4-4

Torino, 23 aprile 2017 – Allo Juventus Stadium di Torino a vincere è stato l’entusiasmo dei ragazzi della Junior TIM Cup, progetto promosso da Lega Serie A, TIM e CSI, che prima della partita tra Juventus e Genoa sono scesi in campo per giocare. Le squadre dell’Oratorio  Suor Paola di Bosconero e della Parrocchia S. Martino di Rivoli hanno pareggiato per 4-4

A fine gara, i capitani delle due formazioni d'oratorio piemontesi hanno consegnato a Marchisio e Burdisso, i capitani di Juventus e Genoa la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all’ingresso in campo, all’uscita del tunnel dello Stadium, in una vera e propria unione fra calcio professionistico ed oratoriale.

La Junior TIM Cup, il torneo giovanile di calcio a 7 riservato agli Under 14, che per il quinto anno verrà disputato nelle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2016-2017, continua a regalare un grande sogno ai ragazzi degli oratori. Le squadre vincitrici dei tornei regionali disputeranno la fase finale della competizione in occasione della Finale di TIM Cup 2016-2017

Il progetto Junior TIM Cup torna in campo, come per le precedenti edizioni, grazie ad un fondo nel quale confluiranno sia parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione sia il contributo di TIM nel ruolo di title sponsor del torneo.

Oltre all’aspetto puramente sportivo, la Junior TIM Cup celebra e promuove un patrimonio di valori, storie e pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”. 

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguiti sul sito www.juniortimcup.it ed attraverso l’hashtag #juniortimcup.

]]>
<![CDATA[ JUDO: LIVE DA CESENA ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3430 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3430

]]>

Il Palazzetto di Cesena ospita il 15° Campionato Nazionale di Judo, da venerdì 21 a domenica 23 aprile.

Ad inaugurare il campionato nazionale, saranno i fanciulli, i ragazzi e gli esordienti, ovvero le categorie under 15 che con i suoi complessivi 391 finalisti, rappresentano i tre quarti dei finalisti presenti in Romagna. La manifestazione vede impegnati anche le categorie cadetti, junior, senior e master.

In questa sezione del sito sarà possibile seguire tutti gli aggiornamenti relativi a classifiche, foto, oltre alla sintesi dei principali momenti della finale arancioblu.

Classifiche: http://bit.ly/2p6Luun

Fotogallery: http://bit.ly/2pP7WWS

]]>
<![CDATA[ Toro e Juve abbracciano la Junior Tim Cup in oratorio ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3428 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3428

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Csi, che oggi hanno accolto in oratorio Juventus e Torino rappresentati da Rolando Mandragora, Lorenzo De Silvestri e Luca Castellazzi ]]>

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Csi, che oggi hanno accolto in oratorio Juventus e Torino rappresentati da Rolando Mandragora, Lorenzo De Silvestri e Luca Castellazzi

Torino, 20 aprile 2017 – Giornata da ricordare per i ragazzi della Junior TIM Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che hanno incontrato Rolando Mandragora della Juventus F.C., Lorenzo De Silvestri e Luca Castellazzi del Torino F.C. all’Oratorio San Luigi di Torino.

Rolando Mandragora: “Il momento più bello che ho vissuto giocando a calcio è stato senz’altro l’esordio in Serie A TIM con la Juventus. Ho avuto la fortuna di iniziare da bambino in un oratorio che è stato ristrutturato proprio grazie all’intervento della Junior TIM Cup, per cui è bello partecipare oggi ad un’iniziativa del genere”.

Lorenzo De Silvestri: “Lo studio è molto importante nel percorso adolescenziale perché ti aiuta per il futuro. Grazie a mia madre e alla sua vicinanza mi sono diplomato, mi ha aiutato a non mollare. Studiare e giocare a calcio è possibile, la giornata è lunga, per cui invito tutti a coniugare entrambi i momenti al meglio”.

Luca Castellazzi: “Ho avuto una carriera lunga ed ho giocato tante partite, ma il mio ricordo più bello è senza dubbio il mio esordio in Serie A TIM, perché è stato il coronamento di un sogno. Auguro a tutti i ragazzi presenti e a tutti i giovani partecipanti alla Junior TIM Cup di poter vivere emozioni simili. Il calcio è uno sport bello, con valori positivi, per cui divertitevi a prescindere da tutto il resto”.

Un pomeriggio all’insegna della condivisione e delle emozioni per tutti i partecipanti. Prima, i ragazzi hanno rivolto qualche domanda ai rappresentanti di Juventus F.C. e Torino F.C per poi consegnare loro la maglia “Uno di Noi”. Rolando Mandragora, Lorenzo De Silvestri e Luca Castellazzi, insieme al capitano della squadra di un oratorio locale che partecipa al torneo, hanno poi firmato una speciale maglia che farà una “staffetta” in tutte le città dei prossimi incontri. Infine, alcuni dei giovani calciatori della Junior TIM Cup hanno avuto la possibilità di scendere in campo con gli ambasciatori delle squadre torinesi. Tante emozioni che i ragazzi hanno immortalato con foto da postare sui propri profili social per raccontare, attraverso l’hashtag #juniortimcup, i momenti più belli di una giornata da sogno.

La Junior TIM Cup farà nuovamente tappa a Torino, nel pre-partita di Juventus-Genoa, quando dell’Oratorio Suor Paola di Bosconero e della Parrocchia S. Martino di Rivoli si sfideranno in un’amichevole sotto lo sguardo dei loro beniamini e del pubblico sugli spalti dello Juventus Stadium.

Il torneo, che coinvolge gli oratori delle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM, nelle precedenti edizioni ha coinvolto oltre 41mila ragazzi in tutta Italia e quasi 3mila oratori, all’insegna dell’alleanza tra sport di vertice e di base.

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sito www.juniortimcup.it

 

]]>
<![CDATA[ 525 Judoka a Cesena per i titoli CSI ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3426 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3426

Il 22 e il 23 aprile al Palazzetto di Cesena, 525 finalisti si sfideranno nella 15^ edizione del Campionato Nazionale di Judo del Centro Sportivo Italiano. In gara categorie preagonistiche e agonistiche. ]]>

Il 22 e il 23 aprile al Palazzetto di Cesena, 525 finalisti si sfideranno nella 15^ edizione del Campionato Nazionale di Judo del Centro Sportivo Italiano. In gara categorie preagonistiche e agonistiche.

Il Judo azzurro guarda alla Torwar Arena di Varsavia per i Campionati Europei, e contemporaneamente anche al Palazzetto di Cesena dove, dal 21 al 23 aprile, molti talenti e diverse promesse dalle prese morbide sui judogi, si contenderanno i titoli messi in palio nel 15° Campionato nazionale Csi di questa affascinante arte marziale, assai praticata nell’associazione. Quella che insegna, meglio d’altre discipline, il rispetto dell’avversario, la sportività nell’accettare i verdetti e la forza di rialzarsi dopo una caduta.

Sui tatami tricolori saranno in gara 525 Judoka provenienti da 43 società sportive. Non mancheranno al solito il tifo di genitori ed accompagnatori, i consigli dei maestri prima del “rei” a dare il ritmo al susseguirsi di combattimenti. Dei 14 comitati presenti in Romagna, provenienti da 4 regioni, i più rappresentati sono Bergamo (138 finalisti), Como (98) e Bologna (77).
La Polisportiva San Mamolo Bologna, negli ultimi anni vincitrice della speciale classifica per società (cat. agonistiche), è la squadra con più kimono al seguito (ben 51). Segue la Judo Fuji-Yama Mantova (38) e le lariane J.C. Waylog Manutenta (33 atleti in finale) e Lenno (31).

Si parte venerdì pomeriggio con i pesi per le categorie preagonistiche Fanciulli/Ragazzi/Esordienti (M e F) in gara le prime due sabato mattina, dopo la cerimonia di apertura e nel pomeriggio con i combattimenti dei finalisti della categoria Esordienti A/B (M e F). Domenica faranno l’ingresso sul tatami, le categorie agonistiche (cadetti, junior, senior, master M1 – F1). Le gare si svolgeranno adottando la formula dell’eliminazione diretta con il doppio recupero.

Per ogni categoria verrà eletto il nuovo campione nazionale per classi di peso, indipendentemente dal colore della cintura. Inoltre verrà stilata dalla commissione tecnica nazionale del Judo un’apposita classifica per le società sportive, assegnando diversi punteggi i base a i piazzamenti ottenuti.

]]>
<![CDATA[ 15° Campionato Nazionale di Ginnastica Artistica ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3425 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3425

Dal 5 all'11 Giugno, a Lignano Sabbiadoro, presso il Palazzetto Getur, si terrà il 15° Campionato Nazionale di Ginnastica Artistica. All'interno la circolare e tutta la documentazione utile. ]]>

Dal 5 all'11 Giugno, a Lignano Sabbiadoro, presso il Palazzetto Getur, si terrà il 15° Campionato Nazionale di Ginnastica Artistica. All'interno la circolare e tutta la documentazione utile.

Si terrà a Lignano Sabbiadoro, dal 5 all'11 Giugno prossimi, il 15° Campionato Nazionale di Ginnastica Artistica.

Sarà possibile iscriversi alla manifestazione fino al 5 Maggio 2017 sull'apposito modulo on line della Presidenza Nazionale.

A fianco è possibile consultare la circolare e tutti i file utili alla partecipazione o accedere al link riepilogativo.

]]>
<![CDATA[ 15° Campionato Nazionale di Nuoto ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3419 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3419

Pubblicata la circolare ]]>

Pubblicata la circolare

Pubblicata la circolare per il 15° Campionato Nazionale di Nuoto 2017 in programma a Lignano Sabbiadoro (UD) dal 31 maggio al 4 giugno presso la piscina olimpica del villaggio GE.TUR.

Le iscrizioni scadranno il 19 maggio.

Negli allegati troverete il programma, il regolamento, le note amministrative e la scheda di prenotazione alberghiera.

]]>
<![CDATA[ Buona Pasqua ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3418 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3418

Serenità e pace a tutti gli amici, alle loro famiglie, alle loro comunità ]]>

Serenità e pace a tutti gli amici, alle loro famiglie, alle loro comunità

Penso alla Pasqua che ci prepariamo a celebrare: la festività più significativa per i cristiani poiché segna nella storia umana la vittoria definitiva del bene sul male, della vita sulla morte. E’ in questa drammatica contrapposizione che si fa luce la grandezza della Pasqua, l’evento più dirompente nella storia dell’uomo che incontra il Figlio di Dio, lo mette a morte tramite crocifissione (la pena riservata ai peggiori malfattori) ma ne deve poi testimoniare la potenza divina dedicata alla redenzione: la risurrezione e il ritorno al Padre. Dio trionfa ma nella sofferenza e attraverso il dolore. La Pasqua è gioia, bellezza, felicità che germogliano da sacrificio, solitudine, sopportazione.

Alla luce di questo profondo significato della Pasqua desidero rivolgere i più sentiti auguri alla bellissima famiglia del Csi in Italia. Una famiglia con tanti dirigenti, tanti educatori, tanti allenatori, tanti arbitri, tanti giudici di gara. E un oceano senza confini di atleti: dai più piccoli ai più grandi, dai bambini ai ragazzi fino agli adulti e agli anziani.

Mi rendo perfettamente conto che non per tutti è la stessa festa, non per forza tutti i praticanti attività sportive con il Csi sono all’interno di un percorso di fede sinceramente vissuto ed intenso. Questo però non porta ad escludere; al contrario conduce all’abbraccio a far sentire ancora più prossimo chi sta nella nostra Associazione semplicemente perché ci si trova bene, perché propone e concretizza lo sport come tanti lo desiderano.

I miei auguri sono pertanto rivolti a tutti, a chi opera nei Comitati e nelle società sportive, ai presidenti e a chi contribuisce nelle varie Commissioni, Gruppi di lavoro, luoghi di elaborazione di progetti e di studio per la promozione di percorsi sempre più vicini alla gente, con la gente e per la gente.

Vorrei che mi sentissero particolarmente vicino negli auguri tutti coloro che offrono il servizio al Csi nelle incombenze più umili e meno riconosciute. Mi piace pensare che la Pasqua sia l’occasione per condividere la bellezza dello stare insieme facendo sport in modo allegro, giocoso, sinceramente fraterno.

Uno speciale augurio di buona Pasqua lo voglio riservare ai nostri amici che sono in difficoltà: a chi sta attraversando momenti bui per la malattia o per i disastri provocati dal terremoto oppure per i guai devastanti conseguenti alla più grave crisi economica degli ultimi due secoli. Auguro buona Pasqua nonostante le atrocità del terrorismo e la follia di chi continua a parlare di pace ma pensa a fare la guerra. Dobbiamo pensare che un mondo migliore e possibile e noi dobbiamo contribuire a realizzarlo.

Buona Pasqua amiche e amici tutti, che anche nelle vostre case si faccia strada la luce della speranza e la voglia di fare il bene prevalga sulla visione egoistica della vita.

 

Vittorio Bosio

Presidente Csi

]]>
<![CDATA[ Il 6 maggio a Roma la Conferenza dei Presidenti ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3413 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3413

La Conferenza nazionale dei presidenti territoriali Csi si svolgerà il 6 maggio presso l’istituto Patristicum Augustinianum ]]>

La Conferenza nazionale dei presidenti territoriali Csi si svolgerà il 6 maggio presso l’istituto Patristicum Augustinianum

L’annuale Conferenza nazionale dei presidenti territoriali Csi, che andrà ad approvare il bilancio consuntivo del 2016, si svolgerà sabato 6 maggio alle ore 16 presso l’istituto Patristicum Augustinianum, in via Paolo VI n. 25.

Per iscriversi è necessario compilare, entro e non oltre il 19 aprile 2017, la scheda on-line al seguente link https://goo.gl/forms/eQLOW9nWWyaInP1v1

In allegato alla notizia il programma di massima e le note logistiche e amministrative.

]]>
<![CDATA[ I Campioni nazionali di Dodgeball ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3412 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3412

A Ravenna la tappa finale del Campionato Nazionale CSI, è stata una vera festa dello sport. Romagnoli e venete d’oro. Nei games decisivi grande suspense per il bronzo finale. La spunta nel maschile Lucca Dodgeball. ]]>

A Ravenna la tappa finale del Campionato Nazionale CSI, è stata una vera festa dello sport. Romagnoli e venete d’oro. Nei games decisivi grande suspense per il bronzo finale. La spunta nel maschile Lucca Dodgeball.

Domenica 9 aprile Ravenna ha ospitato la conclusione del più importante evento di dodgeball dell’anno, il Campionato Nazionale CSI promosso con la Associazione Italiana Dodgeball. Con 16 squadre e più di 100 atleti presenti, presso la palestra Ricci Muratori è andata in scena una vera e propria festa dello sport. Nel grande spirito di amicizia e condivisione che anima il movimento del dodgeball in Italia, non si è soltanto giocato e sudato sul campo, ma ci si è potuti godere una intensa giornata animata da musica, banchetti per il terzo tempo, e le coreografie del gruppo cheerleading Sweet Panthers della società Edera Ravenna. Fondamentali sono stati i match dei tornei maschile e femminile, perché con le ultime gare tutte quante le squadre si giocavano piazzamenti importanti e la possibilità di diventare campioni. Giocate entusiasmanti, agonismo e fair play, in una scalata verso il titolo nazionale che ha tenuto col fiato sospeso fino all’ultimo istante. Numerose le personalità di spicco dello sport locale e nazionale che non hanno voluto mancare all’epilogo del campionato, rimanendo, a loro dire, rapiti dall’entusiasmo degli atleti: Umberto Suprani (presidente CONI Emilia Romagna), Roberto Fagnani (assessore allo sport del comune di Ravenna), Alessandro Bondi (presidente CSI Ravenna), Alessandro Rossi (resp. degli sport emergenti della direzione tecnica nazionale CSI) e Marco Guizzardi (membro della presidenza nazionale CSI). Subito i risultati sportivi: ad aggiudicarsi il titolo sono state le Lady Lions Codogné nella categoria femminile, e gli Shamrock Ravenna nella categoria maschile. Una riconferma per la formazione ravennate, che ha dominato la stagione fin dall’inizio. Prima volta sul gradino più alto del podio invece per le giocatrici venete, anch’esse prime per tutta la stagione seppur con un margine meno ampio che ha reso la competizione più avvincente fino alla fine. Le “leonesse” non hanno mollato in quest’ultima tappa, conquistando quattro vittorie su quattro e aggiudicandosi anche lo scontro diretto contro le seconde in classifica, chiudendo così la stagione con 8 punti di vantaggio sulle inseguitrici e meritandosi il primo posto. Al secondo posto si sono piazzate le Lowenhaus Shamrock Ravenna, che hanno lottato fino in fondo per cercare di completare la rimonta ma hanno pagato i punti persi in precedenza. Sul terzo gradino del podio le Valkyrie di Lugo, che hanno saputo resistere agli assalti delle rivali difendendo la medaglia di bronzo; al quarto posto le Ghinea di Ravenna, che in casa hanno dato il meglio di sé per tentare il sorpasso. All’ultimo posto le Dreamcatchers Tuscany che hanno dimostrato tappa dopo tappa i loro miglioramenti.

 In campo maschile invece la classifica vede gli Shamrock Ravenna padroni: i biancoverdi non si accontentano della medaglia d’oro, ma piazzano al secondo posto in Italia anche la loro seconda squadra, Le Carni Shamrock. Shamrock campioni italiani dopo una stagione sempre in vetta, conclusa con ben 38 punti di vantaggio sulla seconda. La conferma matematica del titolo è arrivata già nella mattinata, ma dopo aver festeggiato con il proprio pubblico non si sono lasciati andare chiudendo la giornata con l’en plein vincendo tutte le partite con il massimo dei punti. Per Le Carni Shamrock inizio di giornata in salita, dopo una sconfitta che poteva compromettere il piazzamento finale; senza perdersi d’animo i giovani giocatori hanno reagito conquistando due vittorie che gli hanno garantito la medaglia d’argento. Se queste due posizioni hanno rispettato i pronostici della vigilia, la lotta per il terzo posto ha regalato spettacolo e continui colpi di scena fino all’ultimo secondo. A spuntarla alla fine è la Lucca Dodgeball, che ha così ottenuto un ottimo risultato reso ancora più entusiasmante per la sorpresa e la suspense con cui è arrivato. A loro spettava l’ultima partita tra tutte le squadre che in corsa per il bronzo, e dopo aver sofferto in apertura sono riusciti a conquistare il game decisivo all’ultima occasione possibile. Terzo posto ottenuto grazie al vantaggio negli scontri diretti contro i corregionali Empoli Swarm: entrambe le squadre toscane hanno chiuso con lo stesso punteggio totale, 111 punti. Rammarico sicuramente per gli empolesi, ma anche soddisfazione realizzando che con soli due anni di attività sportiva alle spalle, un quarto posto nazionale è un ottimo traguardo e una giusta motivazione a fare sempre meglio. A riprova di quanto sia stata tesa la lotta per il podio, la quinta squadra classificata, Springout Forlì, chiude a soli 2 punti di distanza dalla coppia toscana. I forlivesi hanno accusato un sensibile calo di organico nella seconda parte di stagione e hanno dovuto dire addio al terzo posto. Non è riuscita la scalata alla squadra maschile dei Lions Codogné, in giornata decisamente no. La giovane formazione veniva da ottimi risultati e aveva ragione di puntare più in alto, ma alla luce del grande lavoro fatto anche un sesto posto può essere vissuto con orgoglio. A seguire, gli Astil Fondi chiudono al settimo posto in classifica dopo aver sorpreso positivamente ottenendo ottimi risultati in quest’ultima tappa, che gli hanno permesso di guadagnare posizioni in graduatoria. A loro favore anche lo scontro diretto con i Black Sheep Brugnera, superati così proprio di 2 punti. Ottavo posto per i friulani che chiudono con una vittoria e due sconfitte. I giovani Memes di Anacapri si piazzano al nono posto in classifica grazie ai punti importanti della tappa ravennate. Sul fondo della classifica gli Anubi di Lugo e gli Oragiobat di Castenaso, che chiudono rispettivamente al decimo e undicesimo posto, raccogliendo qualche punto in meno di quanto meritato.

“Un grandissimo successo questa prima edizione dei campionati nazionali sia sotto il profilo sportivo sia per quello mediatico, entrambi hanno dato la possibilità di promuovere l’immagine del dodgeball su tutto il territorio nazionale; quest’anno erano rappresentate sei regioni ai campionati nazionali e molto probabilmente nella prossima stagione si accenderanno i riflettori anche in altre regioni grazie al sostegno ed alla spinta del Csi e dell’Associazione Italiana Dodgeball” questo è il commento del responsabile della Comm.Tecnica Dodgeball CSI e Presidente della Associazione Italiana Dodgeball Andrea Robbia.

]]>
<![CDATA[ La Junior Tim Cup in Campo ad Empoli ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3398 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3398

Oggi allo stadio Carlo Castellani, prima della partita Empoli-Pescara, la squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino ha superato la squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Empoli per 6-0 ]]>

Oggi allo stadio Carlo Castellani, prima della partita Empoli-Pescara, la squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino ha superato la squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Empoli per 6-0

Empoli, 8 aprile 2017 – Allo stadio Carlo Castellani di Empoli a vincere oggi è stato l’entusiasmo dei ragazzi della Junior TIM Cup, progetto promosso da Lega Serie A, TIM e CSI, che prima della partita tra Empoli F.C. e Delfino Pescara 1936 sono scesi in campo per disputare un’amichevole. Dopo un iniziale ‘padre nostro’ a centro campo La squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino ha superato la squadra dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Empoli per 6-0

A fine gara, i capitani delle due squadre dedicate all’evangelista San Giovanni, consegnato ai giocatori di Empoli F.C. e Delfino Pescara 1936 la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all’ingresso in campo hanno. Nell’occasione Matteo a Memushaj del Pescara e Tommaso a Croce dell’ Empoli. Davvero una bella esperienza che unisce fra calcio professionistico ed oratoriale.

La Junior TIM Cup, il torneo giovanile di calcio a 7 riservato agli Under 14, che per il quinto anno verrà disputato nelle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2016-2017, continua a regalare un grande sogno ai ragazzi degli oratori. Le squadre vincitrici dei tornei regionali disputeranno la fase finale della competizione in occasione della Finale di TIM Cup 2016-2017

Il progetto Junior TIM Cup torna in campo, come per le precedenti edizioni, grazie ad un fondo nel quale confluiranno sia parte delle ammende comminate ai tesserati e alle società di Serie A TIM dal Giudice Sportivo durante il corso della stagione sia il contributo di TIM nel ruolo di title sponsor del torneo.

Oltre all’aspetto puramente sportivo, la Junior TIM Cup celebra e promuove un patrimonio di valori, storie e pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”. 

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguiti sul sito www.juniortimcup.it ed attraverso l’hashtag #juniortimcup.

]]>
<![CDATA[ +Sport: selezionati i 12 vincitori del contest grafico #PerchèIoAmoLoSport ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3397 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3397

Pubblicato il calendario con le foto vincitrici del contest inerente il progetto '+Sport' L.383/2000, focalizzato sulle tematiche di infanzia e adolescenza ]]>

Pubblicato il calendario con le foto vincitrici del contest inerente il progetto '+Sport' L.383/2000, focalizzato sulle tematiche di infanzia e adolescenza

I giovani delle società sportive del CSI hanno partecipato con entusiasmo al contest #PerchèIoAmoLoSport, terminato il 15 febbraio scorso.

Dopo un'attenta valutazione dei disegni ricevuti, sono stati selezionati i 12 lavori migliori che hanno composto il calendario dedicato agli eventi della policy infanzia e adolescenza (in allegato).

Tutti i disegni elaborati dai ragazzi sono stati raccolti in un video.

]]>
<![CDATA[ 15° Campionato Nazionale di Karate ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3395 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3395

dal 29 al 30 aprile si svolgerà, a Bellaria (RN), il 15° Campionato Nazionale di Karate ed il 3° Campionato Nazionale di Kobudo. ]]>

dal 29 al 30 aprile si svolgerà, a Bellaria (RN), il 15° Campionato Nazionale di Karate ed il 3° Campionato Nazionale di Kobudo.

Pubblicata la circolare per i Campionati nazionali di Karate e Kobudo giunti rispettivamente alla quindicesima e terza edizione.Le gare si svolgeranno in due giornate con inizio alle 15:00 di sabato 29 aprile.

Negli allegati , oltre alla circolare trovate il promemoria logistico-amministrativo, il programma provvisorio, il regolamento, la scheda d'iscrizione alle gare e la scheda per le prenotazioni alberghiere.

 

 

]]>
<![CDATA[ A Empoli Alberto Pelagotti e Andrea Costa hanno incontrato i bambini della Junior TIM Cup ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3394 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3394

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che oggi hanno accolto in oratorio l’Empoli F.C. e rappresentata da Alberto Pelagotti e Andrea Costa ]]>

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che oggi hanno accolto in oratorio l’Empoli F.C. e rappresentata da Alberto Pelagotti e Andrea Costa

Empoli, 5 aprile 2017 – Giornata da ricordare per i ragazzi della Junior TIM Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che hanno incontrato Alberto Pelagotti e Andrea Costa dell’Empoli F.C. alla Propositura di Santa Verdiana di Empoli.

 

Alberto Pelagotti: “Oggi per me si tratta di un ritorno a casa. Sono di Castelfiorentino e ho frequentato proprio questa parrocchia dove facevo catechismo e tiravo calci al pallone. Non vedo l’ora sia domenica perché questa volta saremo noi ad ospitare allo stadio i bambini della Junior TIM Cup. Da sempre vesto la maglia biancoazzurra e vedere i più piccoli calpestare il prato del Castellani personalmente è un orgoglio, mi auguro che tra loro ci possa essere qualcuno che un giorno arrivi nella prima squadra dell’Empoli”.

 

Andrea Costa: “Essere qua è bellissimo perché il calcio vero nasce e cresce nell’oratorio con i valori che questo luogo sa trasmettere a tutte le persone che lo frequentano. Ai bambini della Junior TIM Cuop in particolare dico di divertirsi e giocare con spensieratezza e passione: questi sono alcuni degli elementi che gli permetteranno di diventare dei calciatori”.

 

Un pomeriggio all’insegna della condivisione e delle emozioni per tutti i partecipanti. Prima, i ragazzi hanno rivolto qualche domanda ai rappresentantei dell’Empoli F.C. per poi consegnare loro la maglia “Uno di Noi”. Alberto Pelagotti e Andrea Costa, insieme al capitano della squadra di un oratorio locale che partecipa al torneo, hanno poi firmato una speciale maglia che farà una “staffetta” in tutte le città dei prossimi incontri. Infine, alcuni dei giovani calciatori della Junior TIM Cup hanno avuto la possibilità di scendere in campo con gli ambasciatori della squadra toscana. Tante emozioni che i ragazzi hanno immortalato con foto da postare sui propri profili social per raccontare, attraverso l’hashtag #juniortimcup, i momenti più belli di una giornata da sogno.

 

La Junior TIM Cup farà nuovamente tappa a Empoli, nel pre-partita di Empoli-Pescara, quando le squadre dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Empoli e dell’Oratorio S. Giovanni Evangelista di Montelupo Fiorentino si sfideranno in un’amichevole sotto lo sguardo dei loro beniamini e del pubblico sugli spalti dello stadio Carlo Castellani.

 

Il torneo, che coinvolge gli oratori delle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM, nelle precedenti edizioni ha coinvolto oltre 41mila ragazzi in tutta Italia e quasi 3mila oratori, all’insegna dell’alleanza tra sport di vertice e di base.

 

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sito www.juniortimcup.it.

]]>
<![CDATA[ A Firenze Federico Chiesa e Giancarlo Antognoni hanno incontrato i ragazzi della Junior TIM Cup ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3386 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3386

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Centro Sportivo Italiano, che oggi hanno accolto in oratorio l’ACF Fiorentina rappresentata da Federico Chiesa e Giancarlo Antognoni ]]>

Giornata da ricordare per i ragazzi del torneo Under 14 promosso da Lega Serie A,TIM e Centro Sportivo Italiano, che oggi hanno accolto in oratorio l’ACF Fiorentina rappresentata da Federico Chiesa e Giancarlo Antognoni

Firenze, 4 aprile 2017 – Giornata da ricordare per i ragazzi della Junior TIM Cup, il torneo di calcio Under 14 promosso da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano, che hanno incontrato Federico Chiesa e Giancarlo Antognoni dell’ACF Fiorentina alla Parrocchia Immacolata e San Martino a Montughi di Firenze. Ha portato i suoi saluti anche Don Massimiliano Gabbricci, consulente ecclesiastico CSI Firenze nonché cappellano dell’ACF Fiorentina e della Nazionale italiana di calcio.

Federico Chiesa: “La Junior TIM Cup è una bellissima iniziativa, è un’emozione unica passare del tempo con questi ragazzi. Anche io da bambino giocavo con i miei amici per strada e questo è il bello del calcio: unisce ed è di tutti. Auguro a tutti i presenti di seguire il mio percorso, bisogna crederci e non mollare mai”.

Giancarlo Antognoni: “Da bambino anche io ho iniziato a giocare in oratorio con gli amici e penso che la Junior TIM Cup sia un’iniziativa importante perché permette a questi ragazzi di potersi divertire giocando a calcio. Essere qui oggi per loro è una grande emozione, ci auguriamo che qualcuno possa diventare un giocatore della Serie A TIM”.

Un pomeriggio all’insegna della condivisione e delle emozioni per tutti i partecipanti. Prima, i ragazzi hanno rivolto qualche domanda ai rappresentanti dell’ACF Fiorentina per poi consegnare loro la maglia “Uno di Noi”. Federico Chiesa e Giancarlo Antognoniinsieme al capitano della squadra di un oratorio locale che partecipa al torneo, hanno poi firmato una speciale maglia che farà una “staffetta” in tutte le città dei prossimi incontri. Infine, alcuni dei giovani calciatori della Junior TIM Cup hanno avuto la possibilità di scendere in campo con gli ambasciatori della squadra viola. Tante emozioni che i ragazzi hanno immortalato con foto da postare sui propri profili social per raccontare, attraverso l’hashtag #juniortimcup, i momenti più belli di una giornata da sogno.

La Junior TIM Cup ha già fatto tappa a Firenze, nel pre-partita di Fiorentina-Sassuolo, le squadre della Comunità Giovanile San Michele e dell’Oratorio Totus Tuus si sono sfidati in un’amichevole sotto lo sguardo dei loro beniamini e del pubblico sugli spalti dello stadio Artemio Franchi, pareggiando 6-6.

Il torneo, che coinvolge gli oratori delle 16 città le cui squadre militano nella Serie A TIM, nelle precedenti edizioni ha coinvolto oltre 41mila ragazzi in tutta Italia e quasi 3mila oratori, all’insegna dell’alleanza tra sport di vertice e di base.

Tutti gli eventi della Junior TIM Cup e le storie dei suoi protagonisti possono essere seguite sul sitowww.juniortimcup.it

]]>