Centro Sportivo Italiano - Presidenza Nazionale - Notizie http://www.csi-net.it Feed RSS Notizie della Presidenza Nazionale del CSI <![CDATA[ Ad Arezzo il 6° Campionato di Corsa su strada ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3621 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3621

Domenica 22 ottobre 361 podisti pronti a rincorrere il titolo nazionale di specialità. Sono 49 le società partecipanti provenienti da 8 regioni italiane. Il via alle gare dopo la Messa celebrata dal consulente ecclesiastico provinciale Padre Raffaele Menniti. ]]>

Domenica 22 ottobre 361 podisti pronti a rincorrere il titolo nazionale di specialità. Sono 49 le società partecipanti provenienti da 8 regioni italiane. Il via alle gare dopo la Messa celebrata dal consulente ecclesiastico provinciale Padre Raffaele Menniti.

Con l’arrivo della stagione autunnale è il tradizionale appuntamento con la corsa su strada, a concludere la lunga serie dei campionati nazionali del CSI, iniziata in marzo con lo sci. La specialità dell’atletica leggera, cui il CSI negli ultimi anni sta prestando grande attenzione, regalerà in Toscana le maglie scudettate agli atleti più veloci sulle strade di Arezzo.

Il 22 ottobre le vie del capoluogo toscano si riempiranno dei colori delle 49 società presenti con 361 atleti di cui 211 maschi e 150 femmine. Tra le otto regioni finaliste, Trentino Alto Adige, Lombardia e l’ospitante Toscana hanno al seguito le delegazioni più numerose rispettivamente con 131, 126 e 75 atleti. Seguono Liguria, Emilia-Romagna, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Dei 19 comitati presenti, Trento, Lecco e Massa Carrara sono i più rappresentati, rispettivamente con 131, 59 e 33 pettorali al via.

Nel pomeriggio di sabato 21 ottobre, a partire dalle ore 15:00, sono in programma gli accrediti dei partecipanti presso l’Hotel Continentale, mentre alle ore 19:00, si terrà la riunione tecnica con i dirigenti delle società sportive finaliste.

Domenica 22 ottobre, alle 8:30, il Consulente Ecclesiastico di Arezzo, Padre Raffaele Menniti celebrerà la SS Messa nella Chiesa dei SS Michele e Adriano.

La cerimonia inaugurale inizierà alle 9:15 in Piazza Guido Monaco. Dalle ore 10 alle 13, cadenzate le dieci partenze in programma con lo starter a dare il colpo di pistola alle gare.  Si corre sui differenti percorsi regolamentari, dal giro corto dai 900 metri per i più piccoli esordienti, al giro medio da 1.300 metri su cui si misureranno i ragazzi fino al giro lungo (2.750 metri) che le allieve percorreranno per intero una volta. Tre giri lunghi per arrivare agli 8,250 km regolamentari la distanza per gli adulti (Juniores M, Seniores M, Amatori A M, Amatori B M, Veterani.

La corsa è uno sport - ed il CSI lo sa bene offrendo in ogni campionato un clima di accoglienza e di festa - che unisce da sempre giovani e adulti, lo dimostrano le età degli iscritti, in particolare i due atleti più piccoli, le speranze trentine Raffaele Sammarco della U.S. 5 Stelle Seregnano e Sofia Bertolini dell’Atletica Team Loppio nati entrambi nel 2007 e i due “veterani” la lecchese Maria Gianola della Cortenova, classe ’53, e il padrone di casa, l’aretino Moreno Sinatti della U.P. Policiano, nato nel 1949.

]]>
<![CDATA[ In Scozia il secondo incontro del progetto MenSkil ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3620 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3620

Il 16 e il 17 ottobre alla Heriot Watt University di Edimburgo, secondo meeting del progetto europeo MENSKIL - Preventing threats to sport integrity among young high level athletes through development of mental skills. ]]>

Il 16 e il 17 ottobre alla Heriot Watt University di Edimburgo, secondo meeting del progetto europeo MENSKIL - Preventing threats to sport integrity among young high level athletes through development of mental skills.

Il CSI ha partecipato, il 16 e 17 ottobre, al 2° meeting del progetto europeo MenSkil. Presso la Heriot Watt University di Edimburgo, il partner francese CREPS, il partner scozzese SCA e il CSI hanno condiviso l’avanzamento dei lavori degli ultimi 6 mesi. In particolare, il formatore nazionale CSI, Renato Marino, ha esposto la metodologia applicata alle “mental skills” in uso in Italia.

Si è poi discusso circa l’elaborazione di questionari incentrati sulla tematica delle “mental skill” da sottoporre ad allenatori e atleti. È stata messa a punto una griglia di osservazione da utilizzare nella fase di valutazione dei questionari, funzionale all’elaborazione di una comune metodologia delle “mental skills”.

Durante il prossimo meeting, in programma a Roma a marzo 2018, il partner francese CREPS, capofila del progetto, condividerà i risultati dei questionari forniti da ogni partner. I dati raccolti serviranno per poi procedere alle ultime fasi del progetto, che porteranno alla stesura della metodologia finale.

]]>
<![CDATA[ Corso di aggiornamento per Giudici/Tecnici di Ginnastica Ritmica ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3618 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3618

]]>

Sabato 18 novembre 2017, a Roma, presso la sede della Presidenza Nazionale in Via della Conciliazione, 1 (sala Azione Cattolica 2° piano), si terrà un Corso Nazionale di aggiornamento per Giudici di Ginnastica Ritmica. Il corso è destinato a tutti i giudici della Ginnastica Ritmica già in possesso della qualifica di primo livello ed ai tecnici interessati. L’obiettivo del corso è quello di condividere i programmi tecnici e i criteri di valutazione di ogni singola specialità al fine di uniformare il più possibile il livello qualitativo dell’attività sportiva su tutto il territorio nazionale. Per l’incontro non è prevista la quota di partecipazione, ma le spese di viaggio sono a carico dei partecipanti.

]]>
<![CDATA[ Sport&Go: ecco l'edizione 2017/2018 ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3614 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3614

Il progetto “Sport&Go! Crescere con lo sport” è un percorso formativo di attività sportiva del Centro Sportivo Italiano pensato per le categorie giovanili Under 10 e Under 12 ]]>

Il progetto “Sport&Go! Crescere con lo sport” è un percorso formativo di attività sportiva del Centro Sportivo Italiano pensato per le categorie giovanili Under 10 e Under 12

L’attività giovanile è il cuore della proposta sportiva ed educativa del Centro Sportivo Italiano. In particolare nella categoria under 10 e under 12, il CSI propone il progetto Sport&Go, un modello di attività basato sulla polisportività in cui oltre alle discipline sportive del calcio a 5 e calcio a 7, della pallacanestro e della pallavolo, i ragazzi sono coinvolti nel triathlon di atletica: corsa veloce 60 metri, salto in lungo e lancio del vortex.
Sport&Go è un approccio semplificato alle discipline sportive più diffuse con un’attenzione ai “fondamentali” (lancio, salto e corsa) che talvolta i giovani atleti non conoscono o non approfondiscono. Il progetto prevede, inoltre, un percorso formativo dedicato agli educatori, allenatori e genitori, che spesso si avvicinano alla dimensione sportiva dei piccoli atleti con eccessive aspettative e con l’intento, anche inconsciamente, di un’omologazione al mondo adulto.


 

]]>
<![CDATA[ L’Italia chiude l’Europeo al quinto posto ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3613 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3613

Le “stampelle azzurre” battono l’Irlanda per 2-0 e chiudono così due gradini sotto il podio il Campionato Europeo di Istanbul. La Turchia è campione ]]>

Le “stampelle azzurre” battono l’Irlanda per 2-0 e chiudono così due gradini sotto il podio il Campionato Europeo di Istanbul. La Turchia è campione

C’è un’Italia di calcio già qualificata ai Mondiali: è la Nazionale di calcio amputati che, ad Istanbul, ha concluso al quinto posto il Campionato Europeo promosso dalla EAFF (European Amputee Football Federation), tenutosi in terra turca.

 

La Nazionale Italiana, dopo aver perso di misura (2-1) il quarto di finale con la Spagna (la rete azzurra di Padoan) ha superato la Francia 1-0 con un gol di Gianni Sasso e vinto nel primo pomeriggio del 9 ottobre la finale 5° - 6° posto, contro l’Irlanda, grazie ad una doppietta dell’attaccante bergamasco Daniele Piana. Nessun rimpianto in casa azzurra, ma una grande consapevolezza per una formazione, ben preparata dai tecnici Vergnani e Zarzana, cui più di così non si poteva davvero chiedere. Il quarto posto conclusivo degli iberici, che hanno perso 3-1 dalla Polonia la finale per il bronzo, lo testimonia. Nella finale, disputata lunedì 9 in serata alla Vodafone Arena, stadio del Besiktas, gremito da oltre 40.000 spettatori, i padroni di casa della Turchia hanno battuto l’Inghilterra 2-1.

Il piazzamento azzurro tra le prime otto nella rassegna continentale ha garantito così all’Italia il pass azzurro per i Mondiali in Messico in programma nel 2018.

 

L’avventura azzurra in terra turca era iniziata nel migliore dei modi grazie alla vittoria convincente ottenuta dagli azzurri nella partita di esordio del 3 ottobre con il Belgio. Poker in apertura per gli azzurri: 4-0 il risultato finale con le reti del bomber ischitano Gianni Sasso (doppietta), il difensore romano, Arturo Mariani, ed il vicentino Emanuele Padoan.

 

Nella seconda giornata dell’Europeo, nonostante una grande prestazione azzurra, l’Italia non è andata oltre lo 0-0 con la Francia. Transalpini a lunghi tratti messi sotto sul piano del gioco. Solo il palo e tre grandi parate dell'estremo difensore francese hanno negato il gol alle Stampelle azzurre.

 

Nell’ultima gara del girone B gli azzurri sono stati sconfitti 3-0 dalla Polonia. Una gara in cui la Nazionale esteuropea ha dimostrato la superiorità tecnica e fisica.

 

Ad accompagnare le attività della Nazionale Calcio Amputati #StampelleAzzurre

 

Scopri tutto sull’Europeo sul sito ufficiale: http://eafc2017.tbesf.org.tr/

 

 

 

 

 

 

 

 

]]>
<![CDATA[ GRANDE SUCCESSO A NAPOLI PER HAPPY MEAL SPORT CAMP ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3607 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3607

Giornata straordinaria al Villaggio dello Sport di McDonald's, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano, che conclude l'edizione 2017 coinvolgendo oltre 6.000 persone in Piazza Dante portando sport e divertimento con i campioni Massimiliano Rosolino ed Edwige Gwend ]]>

Giornata straordinaria al Villaggio dello Sport di McDonald's, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano, che conclude l'edizione 2017 coinvolgendo oltre 6.000 persone in Piazza Dante portando sport e divertimento con i campioni Massimiliano Rosolino ed Edwige Gwend

Si conclude al meglio l'edizione 2017 di Happy Meal Sport Camp che a Napoli ha coinvolto oltre 6.000 persone in Piazza Dante per una giornata fatta di divertimento, allegria e tanta attività sportiva. Il Villaggio dello Sport di McDonald's, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano, ha messo a disposizione dei più piccoli, grazie anche al patrocinio del Comune, varie discipline da poter provare gratuitamente: atletica, judo, calcio, volley, ginnastica, scherma, basket e altre attività ludico sportive come ping pong e calcio balilla.

A tagliare il nastro del Villaggio sono intervenuti: Ciro Borriello, Assessore allo Sport di Napoli; Francesco Chirico, Presidente II Municipalità di Napoli; Sergio Roncelli, Presidente CONI Campania; Renato Mazzone, Presidente CSI Napoli; Massimiliano Rosolino, nuotatore; Edwige Gwend, judoka. A portare i loro saluti anche i franchisee di McDonald's per la Regione Campania.

L'ultimo appuntamento dell'anno con il progetto di McDonald's ha visto scendere in campo, insieme allo staff e agli istruttori del CSI comitato di Napoli, anche due grandi campioni come il nuotatore Massimiliano Rosolino, che ha vissuto un entusiasmante ritorno a casa, e la judoka Edwige Gwend , i quali hanno giocato con i bambini cimentandosi insieme nelle varie attività sportive presenti.

Massimiliano Rosolino: “Sono felice che, dopo aver portato per cinque anni lo sport in tutta Italia, McDonald's abbia scelto proprio la mia città natale per concludere l'edizione 2017 degli Happy Meal Sport Camp. Napoli ha un sapore particolare per me: è il posto dove i miei figli possono vivere il mare, condividendo le stesse emozioni che provo anche io entrando in acqua. Per questo è stato un vero piacere vivere questa giornata in Piazza Dante, a pochi passi dal nostro meraviglioso golfo, giocando insieme ai tanti bambini presenti al Villaggio e facendo scoprire loro discipline nuove. Credo sia importante spingere i più piccoli all'attività fisica e l'Happy Meal Sport Camp ha contribuito in maniera notevole alla causa, mettendo a disposizione tanto sport in maniera gratuita e accessibile a tutti, strappando sorrisi di gioia anche ai più grandi”.

Nato nel 2010 all'interno dei camp estivi, dal 2014 Happy Meal Sport Camp di McDonald's ha girato per le piazze di tutta Italia con le Feste dello sport , nella convinzione che la fruibilità gratuita della pratica sportiva, in un luogo aperto e accessibile a tutti, sia un momento educativo e di socializzazione che sensibilizza le famiglie sull'importanza dell'attività sportiva di base.

A testimonianza di questo, il progetto Happy Meal Sport Camp ha coinvolto, ad oggi, oltre 180.000 bambini in attività sportive e 36.000 di loro (il 20% del totale) ha scelto il proprio sport grazie alla pratica sperimentata in uno dei 55 eventi di McDonald's che hanno toccato 17 diverse regioni d'Italia .

Anche per l'edizione 2017, partner del progetto di McDonald's è stato il Centro Sportivo Italiano che, in cinque anni di collaborazione, ha messo in campo 30 comitati e oltre 1.000 istruttori.

 

 

]]>
<![CDATA[ Torna il Meeting di Assisi ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3606 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3606

Spiritualità, confronto e approfondimento. Assisi è pronta ad ospitare, nei consueti giorni dell’Immacolata Concezione, il tradizionale appuntamento associativo. Ci si iscrive on line. Sabato 9 dicembre la Messa, presieduta dal presidente della CEI, card. Gualtiero Bassetti. Scopri tutto il programma ]]>

Spiritualità, confronto e approfondimento. Assisi è pronta ad ospitare, nei consueti giorni dell’Immacolata Concezione, il tradizionale appuntamento associativo. Ci si iscrive on line. Sabato 9 dicembre la Messa, presieduta dal presidente della CEI, card. Gualtiero Bassetti. Scopri tutto il programma

Dall’ 8 al 10 dicembre 2017, torna nel capoluogo francescano il tradizionale appuntamento del Csi, quest’anno dedicato a tutti i dirigenti dell’associazione. Intorno alla figura di Francesco, il Csi intende ancora una volta riflettere sul proprio progetto sportivo-educativo per metterlo al servizio dei più piccoli, degli ultimi, dei più bisognosi, e rilanciare attraverso il confronto l’efficacia del servizio offerto alla Chiesa, al Paese, agli atleti e alle atlete, più o meno giovani: Nel programma del Meeting di Assisi vi sono tavole rotonde, momenti plenari, laboratori, seminari e workshop. Proseguirà quindi il lavoro cominciato in maggio, in occasione dell’Officina dello sport, sull’attività sportiva "principio generativo" della vita associativa del Csi. Momento solenne, nel primo pomeriggio di sabato 9 dicembre, sarà la Santa Messa nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, presieduta dal presidente della CEI, Cardinal Gualtiero Bassetti.

A due mesi dall’appuntamento umbro e dopo averlo atteso per oltre un anno (nel 2016 sospeso, dopo il sisma che colpì l’Italia centrale) è grande la voglia di incontrarsi nuovamente ad Assisi. L’invito del Csi a tutti i dirigenti dell’associazione è come ha spiegato in una nota il presidente del Csi, Vittorio Bosio “per costruire insieme un Csi credibile, forte, capace di innovare, ancora un volta, la dirompente forza educativa dell’esperienza sportiva”. Da Assisi, fuoriusciranno infatti gli impegni concreti, culturali e progettuali, da parte di un’associazione, avanguardia dello sport per tutti e decisa a sviluppare maggiormente l’associazionismo sportivo di promozione sociale. 

 

]]>
<![CDATA[ La Junior Tim Cup conquista il Best Event Awards ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3605 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3605

La Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano è stato premiato con il BEA - Best Event Award durante il Festival italiano degli eventi e della live Communication, nella categoria dedicata al sociale, no profit e CSR. ]]>

La Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano è stato premiato con il BEA - Best Event Award durante il Festival italiano degli eventi e della live Communication, nella categoria dedicata al sociale, no profit e CSR.

6 ottobre 2017 – La Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano è stato premiato con il BEA - Best Event Award durante il Festival italiano degli eventi e della live Communication, nella categoria dedicata al sociale, no profit e CSR.

A ritirare l’ambito Elefantino d’Oro, in rappresentanza dei partner del progetto, sono stati Cristiano Habetswallner, Responsabile Sponsorship di TIM e Marco Brunelli, Direttore Generale Lega Serie A.

Un riconoscimento importante per merito dei valori e dell’impegno educativo diffusi nel corso delle cinque edizioni della Junior TIM Cup. Il progetto di Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano ha coinvolto ben 3.883 oratori e 53.150 ragazzi permettendo loro di disputare 21.350 partite e regalandogli il sogno di incontrare i loro idoli calcistici e giocare negli stadi della Serie A TIM. Il torneo, oltre al lato puramente sportivo, ha portato avanti un percorso educativo rivolto alla sensibilizzazione sui temi del Cyberbullismo e del Benessere Digitale, incoraggiando inoltre i ragazzi e le società a compiere azioni di volontariato attraverso “Campioni nella Vita”, che ha raccolto la partecipazione di 248 società.

La Junior TIM Cup nel 2013 ha ricevuto anche il Best Practice Awards, nella categoria Social Responsibility, premio assegnato dall’EPFL (l'Associazione che riunisce le leghe di calcio professionistico in Europa), mentre nel 2015  TIM ha ottenuto il Premio Sport e Cultura agli Oscar dello Sport Italiano, nella categoria Marketing Sponsorship Innovazione

]]>
<![CDATA[ La Nazionale Calcio Amputati all’Europeo in Turchia ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3603 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3603

La squadra azzurra dal 2 al 10 ottobre disputa la rassegna continentale. Dopo l'esordio vincente contro i belgi, le #StampelleAzzurre chiudono a reti bianche contro i transalpini e con una sconfitta subita ad opera dei polacchi ]]>

La squadra azzurra dal 2 al 10 ottobre disputa la rassegna continentale. Dopo l'esordio vincente contro i belgi, le #StampelleAzzurre chiudono a reti bianche contro i transalpini e con una sconfitta subita ad opera dei polacchi ]]>
<![CDATA[ L'Happy Meal Sport Camp di Brescia festeggia il neotricolore Fabian ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3602 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3602

Il Villaggio dello Sport di McDonald’s, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano ed il patrocinio del Comune di Brescia, si è svolto in Piazza Miro Bonetti per due giorni all’insegna di sport e divertimento con i campioni Massimiliano Rosolino, Edwige Gwend ed il neo campione italiano di "triathlon sprint" Alessandro Fabian ]]>

Il Villaggio dello Sport di McDonald’s, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano ed il patrocinio del Comune di Brescia, si è svolto in Piazza Miro Bonetti per due giorni all’insegna di sport e divertimento con i campioni Massimiliano Rosolino, Edwige Gwend ed il neo campione italiano di "triathlon sprint" Alessandro Fabian

Happy Meal Sport Camp ha fatto tappa a Brescia in Piazza Miro Bonetti per due giorni all’insegna dello sport e del divertimento. I piccoli hanno praticato gratuitamente varie discipline: atletica, judo, calcio, volley, ginnastica, scherma, basket e altre attività ludico sportive come pingpong e calcio balilla.

Il Villaggio dello Sport di McDonald’s, realizzato in collaborazione con il Centro Sportivo Italiano e grazie al patrocinio del Comune di Brescia, ha ospitato anche tre campioni: il nuotatore Massimiliano Rosolino, la judoka Edwige Gwend ed il triatleta Alessandro Fabian che hanno giocato con i bambini insieme allo staff e agli istruttori del CSI comitato di Brescia.

Il Centro Sportivo Italiano, in cinque anni di collaborazione con Happy Meal Sport Camp, ha messo in campo 30 comitati territoriali e oltre 1000 istruttori.

Nel 2017 Happy Meal Sport Camp, dopo aver toccato San Benedetto del Tronto, Fano, Reggio Emilia e Brescia, arriverà a Napoli (7 ottobre).

]]>
<![CDATA[ Resport, in Europa senza confini ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3598 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3598

Concluso il network europeo che sta sviluppando programmi sportivi che favoriscano l'inclusione delle persone con disabilità. Partecipazione da 8 Stati continentali ]]>

Concluso il network europeo che sta sviluppando programmi sportivi che favoriscano l'inclusione delle persone con disabilità. Partecipazione da 8 Stati continentali

Un approccio innovativo alle strategie educative per l'inclusione e la riabilitazione delle persone disabili. Questo l'obiettivo del progetto europeo ReSport, un nuovo quadro di attività sportive creato con la collaborazione di esperti del settore e in grado di fornire un approccio globale per la riabilitazione delle persone con disabilità. L'iniziativa è stata presentata mercoledì 27 settembre a Roma, presso la Casa San Juan De Avila, alla presenza di ampie rappresentanze degli operatori e degli atleti di ciascuna delle associazioni europee coinvolte nel network. Tra queste il Centro Sportivo Italiano, partner progettuale dell'iniziativa che coinvolge associazioni provenienti da Slovenia, Croazia, Ungheria, Regno Unito, Portogallo e Turchia. Alla presentazione, introdotta dal direttore generale del Csi Michele Marchetti, hanno partecipato Salvatore Iudica e Arturo Mariani, due azzurri della Nazionale Amputati, che ad inizio ottobre sarà protagonista in Turchia nell’Europeo, Silvia Noci, membro della commissione disabili CSI, l’atleta paralimpico, Emanuele De Marino, argento a Londra 2016, dopo che da bambino con il “piede torto” in molti lo avevano sentenziato “non sarai mai capace di correre”. "Mi auguro che questo network possa essere utile, perché lo sport è fondamentale per una persona disabile", ha dichiarato quindi il presidente del Cip Luca Pancalli. Il mondo paralimpico è sempre su un piano inclinato, se ci fermiamo rischiamo di tornare indietro". Infine è intervenuta Jasni Vesligaj Damis, direttrice a Maribor dell’Istituto Naprej e capofila europea di ReSport ha dichiarato: “Lo sport praticato in luoghi di ritrovo è importante per tutti i cittadini dell’Unione Europea ed ha un potenziale incredibile per raggiungere e far incontrare le persone, indipendentemente dall’età, status sociale, disabilità, razza o genere. L’attività sportiva rappresenta un efficiente metodo per la riabilitazione delle persone con disabilità. Ci piacerebbe enfatizzare il bisogno delle persone diversamente abili riguardo la partecipazione agli eventi sportivi e la necessità di sviluppare dei programmi sportivi appositi

I risvolti positivi per i partecipanti alle “ReSport activities” coinvolgono forza, coordinazione, mobilità, accelerazione, velocità, e forza esplosiva. Potenziate anche le abilità cognitive, la gestione dello stress e l’inclusione sociale. Michele Lepori del Csi Varese ha approfondito e sviluppato anche nelle giornate successive (il 28 e il 29 settembre i partner europei sono scesi in campo per la parte esperenziale all’Istituto S. Maria) le diverse competenze di tre sport: tennistavolo, cheerleading integrato ed orienteering. Tre discipline importanti, grazie alla loro flessibilità che permette di graduare l'impegno dei ragazzi anche alla luce dei miglioramenti. Più precisamente nel cheerleading la capacità di comprendere il proprio ruolo, la propria posizione in funzione degli altri, seguire stimoli esterni mentre si fanno altre cose; nel tennistavolo la coordinazione occhio-mano, i riflessi, la gestione di situazioni man mano più complesse e nell’orienteering la capacità di rendersi più autonomi, gestire al meglio gli spazi e il tempo.

Con la collaborazione di esperti sportivi, si è così creato un nuovo quadro di attività sportive, le cosiddette “ReSport activities”, in grado di fornire un approccio globale per la riabilitazione delle persone con disabilità. Adattando le attività a tutti gli utenti anche con disabilità differenti, si permetterà di partecipare ugualmente in attività sportive e ricreative, promuovere l’inclusione, ridurre al minimo il decondizionamento fisico, ottimizzare la forma fisica e migliorare il benessere complessivo dell’utente. Dopo il Summer ReSport Camp 2017, il prossimo sarà in Croazia (Summer ReSport Camp 2018) e in Slovenia (Winter ReSport Camp 2019).

]]>
<![CDATA[ La Nazionale Amputati di calcio all’inaugurazione del Tre Fontane ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3597 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3597

Inaugurato alla presenza del Capo dello Stato e delle massime autorità cittadine e dello sport italiano il Centro polifunzionale per la pratica e la promozione dello sport praticato da persone disabili. Primi a scendere in campo: i ragazzi della Nazionale Amputati di calcio voluta dal Csi ]]>

Inaugurato alla presenza del Capo dello Stato e delle massime autorità cittadine e dello sport italiano il Centro polifunzionale per la pratica e la promozione dello sport praticato da persone disabili. Primi a scendere in campo: i ragazzi della Nazionale Amputati di calcio voluta dal Csi

All’inaugurazione del “Centro di Preparazione Paralimpica” presso le Tre Fontane all’Eur, nel pomeriggio di lunedì 25 settembre, tra i più simpatici ed apprezzati atleti sono stati gli azzurri della Nazionale Amputati del Csi, salutati con affetto, alla vigilia della partenza in terra turca per disputare il campionato europeo di calcio. Dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella al ministro dello Sport Luca Lotti. Dal numero uno del Coni Giovanni Malagò alla sindaca Virginia Raggi. Dal presidente del Cip Luca Pancalli, fino ad alcuni grandi ambasciatori dello sport paralimpico, quali Bebe Vio, Martina Caironi, tutti hanno voluto festeggiare le “Stampelle azzurre” ed i ragazzi del Csi accompagnati al taglio del nastro dal suo presidente nazionale Vittorio Bosio e dai due tecnici della Nazionale, in partenza per Istanbul, Renzo Vegnani e Paolo Zarzana. Un grosso “in bocca al lupo” a loro in questa giornata storica per lo sport italiano, nella quale il Cip ha inaugurato il primo progetto polifunzionale sul territorio nazionale dedicato specificatamente alla pratica e alla promozione delle discipline sportive per la popolazione con disabilità fisica intellettivo-relazionale e sensoriale.

Dopo l’inno italiano “urlato” dalle pallavoliste in lingua dei segni ed al termine dei discorsi delle autorità presenti il fuori programma più sportivo lo ha regalato il ministro dello Sport Lotti, fermandosi a palleggiare con i dieci azzurri della Nazionale Amputati presenti al Tre Fontane. "Io vengo a giocare ragazzi, invitatemi e vengo" - Lotti ha scherzato con gli atleti paralimpici che durante lo scambio, sorridendo, chiedevano l’impegno massimo - "Se cade (il pallone) cade il governo!".

PANCALLI. “Non nascondo l’emozione per questo giorno”, dice il presidente del Cip, Luca Pancalli, che parla di “impresa” e di “sogno realizzato”: “Quando, 37 anni fa, subii il mio incidente sportivo e iniziai la riabilitazione in un centro austriaco, fui colpito dalla presenza di un centro sportivo in Austria attiguo a quello della riabilitazione in cui si allenavano atleti in carrozzina. Con i miei compagni di riabilitazione rimanemmo affascinati dalla eleganza dei loro gesti atletici. Rientrato in Italia, portai con me il sogno di vedere realizzato un centro di quel genere, un luogo che potesse rappresentare un momento di avviamento allo sport per tanti disabili, un luogo pensato per i ragazzi disabili ma inclusivo, non esclusivo. Le carrozzine a bordo vasca, le protesi sulla pista di atletica qui saranno non l’eccezione, ma la norma: ciò che dovrebbe accadere in tutte le strutture sportive”. “Ho conosciuto una bambina, Sara, qualche giorno fa: lei gioca a basket in carrozzina e ha un sorriso contagioso. Il nostro compito non è solo quello di coltivare risultati agonistici, ma di regalare un sorriso a tanti bambini come Sara”. 

MATTARELLA. "Volevamo vedere questo movimento adulto, ora è cresciuto": parole del Capo dello Stato Sergio Mattarella, che si dice felice nel prendere parte all'inaugurazione del Centro. "Lei ha parlato di un sogno, ma quel sogno non era solo suo, bensì di tanti, di un intero Paese, anche se avvertito e interpretato da alcune avanguardie più capaci di visione. Questa condizione si è raggiunta, le Paralimpiadi di Rio de Janeiro sono state un evento di straordinaria importanza per il nostro Paese. Hanno avuto un valore pedagogico per il nostro Paese, facendo comprendere a schiere di giovani con disabilità che si può realizzare un sogno. Questo è un grande risultato".
 

MALAGO' – “Ho un sogno – dichiara apertamente il numero uno del comitato olimpico - che un giorno Coni e Cip possano essere rappresentati da un unico presidente, una sola faccia della stessa medaglia. Sono sempre stato convinto che fosse questa la strada da perseguire". Malagò ricorda " la volontà di Luca Pancalli di avere un luogo per dare risposte alle istanze degli atleti. Un luogo dove identificare storia, cultura e valori del Cip. In questi dieci anni ci siamo sentiti e parlati spesso, fino a questo giorno".


LOTTI: “Vivo questa giornata con gioia, orgoglio e grande senso di responsabilità per quello che stiamo facendo oggi. L'inaugurazione della Cittadella dello Sport paralimpico, un modello unico, deve essere vissuta come si fa quando viene inaugurata una grande infrastruttura di interesse strategico per l'Italia. L'augurio è che possa essere una pietra miliare su cui costruire il futuro".


RAGGI: Soddisfatta anche Virginia Raggi, sindaco di Roma. "Questo impianto sportivo all'avanguardia rappresenta un importante punto di riferimento in ambito nazionale.

E' la prova che Roma e l'Italia sanno primeggiare. Lo sport insegna a superare le barriere, insegna il valore del sacrificio, insegna che con la costanza e l'impegno è possibile tagliare qualsiasi traguardo. Lo sport insegna che con il lavoro di squadra si raggiungono obiettivi impensabili. Insieme siamo riusciti a permettere che si realizzasse un sogno, abbiamo dato una risposta concreta a quella che definirei una vera e propria battaglia condotta senza sosta dal Cip".


 

 

]]>
<![CDATA[ Grande successo a Reggio Emilia per Happy Meal Sport Camp ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3596 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3596

Grande successo per Happy Meal Sport Camp a Reggio Emilia che ha portato oltre 1.500 bambini in Piazza Martiri del 7 luglio per due giorni all'insegna dello sport e del divertimento. I bambini hanno praticato gratuitamente varie discipline: atletica, judo, calcio, volley, ginnastica, scherma, basket e altre attività ludico sportive come tennistavolo e calcio balilla. ]]>

Grande successo per Happy Meal Sport Camp a Reggio Emilia che ha portato oltre 1.500 bambini in Piazza Martiri del 7 luglio per due giorni all'insegna dello sport e del divertimento. I bambini hanno praticato gratuitamente varie discipline: atletica, judo, calcio, volley, ginnastica, scherma, basket e altre attività ludico sportive come tennistavolo e calcio balilla.

Sport, gioco e divertimento insieme a grandi campioni. Con questi ingredienti a Reggio Emilia fa tappa Happy Meal Sport Camp, il progetto di McDonald’s che promuove l’avviamento alla pratica sportiva verso i più giovani e le loro famiglie. Piazza Martiri del 7 luglio, con il patrocinio del Comune di Reggio e la collaborazione del Centro Sportivo Italiano, si è trasformata in un vero e proprio Villaggio dello Sport, aperto ai bambini e alle loro famiglie. Al taglio del nastro hanno partecipato: Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia; Leopoldo Melli, presidente della Fondazione per lo Sport; Giammaria Manghi, presidente della Provincia di Reggio Emilia; Vittorio Bosio, presidente nazionale del Centro Sportivo Italiano; Cesare Bellesia, presidente del Centro Sportivo provinciale; Davide Castagnetti, licenziatario di McDonald’s, oltre a Massimiliano Rosolino, olimpionico di nuoto e Carlotta Ferlito ginnasta italiana.

Sabato pomeriggio, dopo 17 anni, Massimiliano Rosolino è tornato anche a far sventolare il vessillo della Repubblica Cispadana del 1797 - la prima volta del bianco, rosso e verde nella storia - donata al campione come portafortuna dal Comune di Reggio Emilia prima della partenza per le Olimpiadi di Sydney 2000. Il vessillo divenne famosissimo in mondovisione quando Rosolino per festeggiare la vittoria dell’argento nei 400 stile libero proprio ai giochi olimpici australiani se lo avvolse raggiante sul podio. “Sono felice che McDonald’s abbia deciso di fare tappa proprio a Reggio Emilia che mi rievoca un passato indimenticabile - ha spiegato Massimiliano Rosolino -  Ricordo con molto piacere il periodo di preparazione che qui trascorsi prima delle Olimpiadi di Sydney, il vessillo portafortuna donatomi dal Comune ha davvero funzionato bene data la vittoria di tre medaglie (Oro 200m misti, Argento 400m stile libero, Bronzo 200m stile libero ndr). Ma oggi siamo qui a mettere a segno un'altra importante vittoria grazie all’Happy Meal Sport Camp: portare in piazza lo sport, rendendolo accessibile gratuitamente a tutti bambini e le loro famiglie. Si tratta di un’opportunità educativa importante per avvicinare i bambini alla conoscenza dello sport”.

Nato nel 2010 all’interno dei camp estivi, dal 2014 Happy Meal Sport Camp di McDonald’s gira per le piazze di tutta Italia con le Feste dello sport, nella convinzione che la fruibilità gratuita della pratica sportiva, in un luogo aperto e accessibile a tutti, sia un momento educativo e di socializzazione che sensibilizza le famiglie sull’importanza dell’attività sportiva di base. A testimonianza di questo, il progetto Happy Meal Sport Camp ha coinvolto, ad oggi, oltre 180.000 bambini in attività sportive e 36.000 di loro (il 20% del totale) ha scelto il proprio sport grazie alla pratica sperimentata in uno dei 55 eventi di McDonald’s che hanno toccato 17 diverse regioni d’Italia. Anche per l’edizione 2017 a fianco di McDonald’s si riconferma partner del progetto il Centro Sportivo Italiano che, in cinque anni di collaborazione, ha messo in campo 30 comitati e oltre 1.000 istruttori.

]]>
<![CDATA[ Gemellaggio Basilicata-Campania: a Melfi il 1° Trofeo Interregionale di Nuoto ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3595 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3595

]]>

Si è concluso a Melfi domenica 24 settembre, il 1° trofeo di Nuoto interregionale ciessino del Sud. Un'esperienza sportiva terminata tra gli applausi degli atleti e dei familiari che hanno affollato la struttura natatoria comunale della città potentina. Sono intervenuti alle premiazioni i consiglieri Tiziana Ferrieri e Pietro Monaco del Comune di Melfi. Numerosa la partecipazione campana con i club Metasport, Bellizzi, Tramonti, A2R Aquatic, Fonzie, CSI Napoli insieme alla rappresentativa Pegaso lucana che ha difeso i colori locali. Il coordinamento è stato a cura dell'Area tecnica interregionale Sud ed in particolare del settore nuoto campano, con Pino Ricciardi e con il contributo di Luciano De Santis e Ciro Stanzione. Presenti i presidenti regionali Nazzareno Sportella del CSI Basilicata ed Enrico Pellino del CSI Campania, assieme alla prima guida territoriale Aldo Cilenti e la dottoressa Noemi Musto dello staff sanitario lucano.

I partecipanti sono tornati a casa arricchiti non solo dal punto di vista sportivo ma anche umano.

]]>
<![CDATA[ Il Csi presenta ReSport ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3594 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3594

Mercoledì 27 settembre a Roma presso la Casa San Juan De Avila verrà presentato il progetto europeo, che vuole essere un approccio innovativo alle strategie educative e sportive che includano anche le persone con disabilità nello sport. Presenti rappresentanze degli operatori e degli atleti di ciascuna delle associazioni europee coinvolte nel network di progetto. ]]>

Mercoledì 27 settembre a Roma presso la Casa San Juan De Avila verrà presentato il progetto europeo, che vuole essere un approccio innovativo alle strategie educative e sportive che includano anche le persone con disabilità nello sport. Presenti rappresentanze degli operatori e degli atleti di ciascuna delle associazioni europee coinvolte nel network di progetto.

 La Casa San Juan De Avila in Roma ospiterà mercoledì 27 settembre, dalle ore 17, la presentazione del progetto “ReSport” (European sports network for rehabilitation of persons with disabilities). Il Centro Sportivo Italiano, primo ente di promozione sportiva in Italia riconosciuto dal Comitato Paralimpico Italiano, è partner progettuale di questa iniziativa che coinvolge associazioni provenienti da Slovenia, Croazia, Ungheria, Regno Unito, Portogallo e Turchia. Il progetto “ReSport”, è finanziato dall'EACEA nell'ambito del programma Erasmus + Sport e si propone di creare un network europeo per l’inclusione sociale delle persone con disabilità attraverso l'implementazione di attività sportive innovative. Con la collaborazione di esperti sportivi, verrà creato un nuovo quadro di attività sportive, le cosiddette “ReSport activities”, in grado di fornire un approccio globale per la riabilitazione delle persone con disabilità. Adattando le attività a tutti gli utenti anche con disabilità differenti, si permetterà di partecipare ugualmente in attività sportive e ricreative, promuovere l’inclusione, ridurre al minimo il decondizionamento fisico, ottimizzare la forma fisica e migliorare il benessere complessivo dell’utente.

L'obiettivo del progetto è quello di sviluppare programmi sportivi e ricreativi che preparino in modo completo i partecipanti e sviluppino contemporaneamente un adeguato sistema di sostegno, che includerà i partecipanti alle "ReSport activities" in diversi esercizi o attività sportive. L'intenzione è di progettare attività da svolgere durante tutto l'anno, indipendentemente dalle condizioni meteorologiche e in ambienti diversi (studi, palestre, ambiente urbano e naturale) allo scopo di apprendere, acquisire, e mantenere un'idoneità psicofisica necessaria alle persone con disabilità (forza, equilibrio, velocità, flessibilità, coordinamento, ecc.)

Alla presentazione del progetto, che verrà sinteticamente illustrato dal direttore generale del Csi, Michele Marchetti, interverranno il presidente del Cip, Luca Pancalli, il presidente del Csi, Vittorio Bosio, l’atleta paralimpico Emanuele Di Marino, ed alcuni calciatori della Nazionale Amputati, ormai prossima all’esordio nel Campionato Europeo di calcio, ai primi di ottobre in Turchia

]]>
<![CDATA[ Minori stranieri non accompagnati. Diventa anche tu Tutore Volontario ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3593 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3593

Il CSI sostiene la campagna di sensibilizzazione promossa da Autorità Garante Infanzia e Adolescenza dedicata ai Minori stranieri non accompagnati. ]]>

Il CSI sostiene la campagna di sensibilizzazione promossa da Autorità Garante Infanzia e Adolescenza dedicata ai Minori stranieri non accompagnati.

Il CSI sostiene la campagna di sensibilizzazione promossa dall'Autorità Garante Infanzia e Adolescenza dedicata ai Minori stranieri non accompagnati. In Italia ci sono oltre 17mila ragazzi minorenni senza genitori. Sono arrivati fin qui da soli, superando enormi difficoltà. Ma forse per alcuni la parte più difficile comincia ora: devono costruirsi un futuro in un Paese nuovo, con leggi che non conoscono, senza nessuno a cui fare riferimento. Tu puoi essere la guida per uno di loro e accompagnarlo in questa sua nuova vita. Diventa Tutore Volonrario di un minore non accompagnato. Scopri come su www.garanteinfanzia.org 

]]>
<![CDATA[ A REGGIO EMILIA ARRIVA HAPPY MEAL SPORT CAMP ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3592 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3592

Sabato 23 e domenica 24 settembre, Piazza Martiri del 7 luglio ospiterà il Villaggio dello Sport di McDonald’s con attività sportive, giochi e divertimento gratuiti per tutti i partecipanti. Saranno presenti il nuotatore Massimiliano Rosolino e la ginnasta Carlotta Ferlito ]]>

Sabato 23 e domenica 24 settembre, Piazza Martiri del 7 luglio ospiterà il Villaggio dello Sport di McDonald’s con attività sportive, giochi e divertimento gratuiti per tutti i partecipanti. Saranno presenti il nuotatore Massimiliano Rosolino e la ginnasta Carlotta Ferlito

Happy Meal Sport Camp ritorna in piazza per un finale di stagione straordinario all’insegna dello sport e del gioco. A Reggio Emilia, sabato 23 e domenica 24 settembre, Piazza Martiri del 7 luglio ospiterà il Villaggio dello Sport di McDonald’s grazie al patrocinio del Comune e il supporto del CSI Comitato di Reggio Emilia.

A giocare con i più piccoli e a far scoprire loro diverse discipline saranno il nuotatore olimpionico Massimiliano Rosolino e la ginnasta olimpica Carlotta Ferlito. Tante le attività che potranno essere provate gratuitamente: atletica, calcio, volley, ginnastica, basket, oltre al tennis tavolo e il calcio balilla. Il villaggio sarà aperto Sabato 23 settembre dalle ore 14.30 alle ore 19.30 e Domenica 24 settembre dalle 9.30 alle 19.00.

Per l’occasione, dopo 17 anni, Massimiliano Rosolino tornerà a far sventolare il vessillo della Repubblica Cispadana del 1797 - la prima volta del bianco, rosso e verde nella storia - donata al campione come portafortuna dal Comune di Reggio Emilia prima della partenza per le Olimpiadi di Sydney 2000. Il vessillo divenne famosissimo in mondovisione quando Rosolino per festeggiare la vittoria dell’argento nei 400 stile libero proprio nei giochi olimpici australiani se lo avvolse raggiante sul podio.

Nato nel 2010 all’interno dei camp estivi, Happy Meal Sport Camp dal 2014 gira per le piazze italiane con le Feste dello sport, nella convinzione che la fruibilità gratuita della pratica sportiva, in un luogo aperto e accessibile a tutti, sia un momento educativo e di socializzazione che sensibilizza le famiglie sull’importanza dell’attività sportiva di base.

A testimonianza di questo, il progetto Happy Meal Sport Camp ha coinvolto, ad oggi, oltre 180.000 bambini in attività sportive e 36.000 di loro (il 20% del totale) ha scelto il proprio sport grazie alla pratica sperimentata in uno dei 55 eventi di McDonald’s che hanno toccato 17 diverse regioni d’Italia.

Anche per l’edizione 2017 a fianco di McDonald’s si riconferma partner del progetto il Centro Sportivo Italiano che, in cinque anni di collaborazione, ha messo in campo 30 comitati e oltre 1000 istruttori.

]]>
<![CDATA[ Gemellaggi. Il Gs Nicia (CSI Belluno) in visita al CSI Fano ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3574 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3574

]]>

Una quindicina di rappresentnti del Gs Nicia, con in testa le neo presidente e vice, Marilena Nabari e Lara Giazzon, come ormai consolidata tradizione ha fato visita agli amici di Csi Fano. Un gemellaggio che si rinnova per la squadra trichianese, da tempo protagonista del campionato Over. 

«Come sempre l'accoglienza è stata splendida» spiega capitan Dario Bernard. «Anche se non siamo riusciti a disputare la consueta partita amichevole, è stato un piacere incontrarci con i membri della presidenza Marco, Simone ed amici, per un momento conviviale». Appuntamento rinnovato al 2018!

]]>
<![CDATA[ Gemellaggi CSI, il sì di Aversa e Tirrenico ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3571 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3571

]]>

I comitati CSI di Aversa (Campania) e Tirrenico (Calabria) hanno sottoscritto l'accordo di gemellaggio Insieme per sport, la nuova iniziativa varata dalla presidenza nazionale del Centro Sportivo Italiano e coordinata dal consigliere nazionale Salvatore Maturo.
La firma sulla scheda di adesione al progetto ciessino l'hanno apposta Massimo Gnisci, presidente del CSI Tirrenico e Luciano De Santis, vice presidente vicario del CSI Aversa, alla presenza dei presidenti e direttori tecnici delle regioni del Sud: Enrico Pellino (Campania), Nazzareno Sportella e Domenico Lavanga (Basilicata), Giorgio Porro e Clementina Tripodi (Calabria), Michele De Giorgi (Puglia). Il sì a margine dell'incontro interregionale Sud del CSI, avvenuto all'Agri Armonia di San Lucido.

]]>
<![CDATA[ Gemellaggi CSI, accordo Napoli - Brindisi ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3570 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=3570

]]>

I comitati provinciali di Napoli e Brindisi hanno firmato il gemellaggio CSI, nel corso del convegno Più Sport, svoltosi a Firenze. L'accordo è stato siglato da Renato Mazzone e Francesco Maizza, prime guide napoletane e brindisine del CSI.

All'intesa di gemellaggio c'erano i presidenti di Campania e Puglia, rispettivamente Enrico Pellino ed Ivano Rolli ed il vice presidente nazionale Marco Calogiuri. Intorno al tavolo altri dirigenti e tecnici delle due regioni.
Nell'agenda del coordinatore nazionale del progetto Gemellaggi CSI, Salvatore Maturo, c'è ora la casella riguardante l'accoppiata Salerno - Siracusa, da riempire prossimamente.

]]>