Centro Sportivo Italiano - Presidenza Nazionale - Notizie http://www.csi-net.it Feed RSS Notizie della Presidenza Nazionale del CSI <![CDATA[ Il Csi si fa strada a Palmanova ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4263 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4263

La città stellata ospita la finale dell’8° campionato nazionale di corsa nella specialità di atletica. Domenica sono 14 categorie al via alla conquista delle maglie tricolori sul tracciato cittadino friulano ]]>

La città stellata ospita la finale dell’8° campionato nazionale di corsa nella specialità di atletica. Domenica sono 14 categorie al via alla conquista delle maglie tricolori sul tracciato cittadino friulano

Il 19 e 20 ottobre 2019 la città di Palmanova (Ud) ospita l'8° Campionato Nazionale di Corsa su Strada del Centro Sportivo Italiano. La “città stellata”, famosa per la sua pianta poligonale a stella con 9 punte, è pronta ad ospitare (una seconda volta, dopo l’edizione dello scorso anno) 560 atleti arancio blu provenienti da 7 regioni italiane, che si affronteranno per le strade della città friulana alla ricerca del tanto ambito tricolore associativo.

Dieci categorie in gara dal più piccolo atleta al più anziano: si va dagli esordienti m/f classe 2008/2009 per arrivare fino ai Veterani B dell’anno 1957 e precedenti, senza dimenticare le 4 categorie riservate alle persone con disabilità (2 per disabili intellettivo relazionali e 2 per quelli fisico – sensoriali).

In questa rassegna podistica le regioni presenti saranno: la Lombardia con 206 atleti, il Trentino – Alto Adige con 171, il Friuli Venezia Giulia con 86, il Veneto con 67, la Toscana con 16, l’Emilia – Romagna con 12 e il Piemonte con solo 2 atleti.

Parteciperanno 23 comitati arancio blu e 72 società. Tra i comitati svetta quello di Trento con ben 171 atleti, seguito da Lecco (136) e Udine (74). Più staccati troviamo i comitati di Vicenza (46), Sondrio (21), Mantova (16), Massa Carrara (15) e Lodi (14).

Tra le società con più iscritti troviamo le trentine (l’U.S. 5 Stelle Seregnano con 43 atleti, l’U.S. Castel Ivano con 31 e l’Atletica Valle di Cembra con 26) e le lecchesi (C.S.C. Cortenova con 45, il G.S. Virtus Calco con 26, l’Unione Sportiva Derviese con 21 e la Polisportiva Bernate con 20). Per Vicenza corre l’Atletica Colli Berici (29 atleti), per Udine il Gruppo Sportivo Natisone (19) e l’Atletica 2000 con 18 podisti.

Il CSC Cortenova cercherà di ottenere il bis, dopo la vittoria del 2018. Alla ricerca del risultato migliore anche la trentina 5 Stelle Seregnano, la scorsa edizione prima nella classifica assoluta e seconda nella classifica generale alle spalle del Cortenova.

Non solo gare: il comitato Regionale Csi del Friuli infatti offrirà nel pomeriggio di sabato una visita guidata nel centro di Palmanova, nei sotterranei e nel museo militare che ospita una ricca esposizione inerente la storia della città nel periodo della Grande Guerra. Un’iniziativa culturale questa già messa in atto l’anno scorso e che si è dimostrata per i partecipanti molto interessante ed educativa.

La giornata di domenica si aprirà alle ore 8:30 con la S. Messa presso il Duomo di Palmanova, per poi proseguire alle ore 9:30 con la cerimonia d’apertura prima della partenza di ogni categoria. Alle ore 13:30 le premiazioni dei vincitori.

]]>
<![CDATA[ CORSA SU STRADA: SPECIALE DA PALMANOVA ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4262 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4262

]]>

Domenica 20 ottobre 2019 Palmanova (Ud) ospita l’8° campionato nazionale di corsa su strada del Centro Sportivo Italiano. 
In questa sezione del sito è possibile seguire tutti gli aggiornamenti relativi alle classifiche, alle foto, oltre alla sintesi dei principali momenti della finale arancioblu.
 
]]>
<![CDATA[ Mantova regina del Nordic Walking ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4261 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4261

Grande soddisfazione degli organizzatori, ripagati da una massiccia partecipazione di “camminatori” provenienti da tutta Italia. ]]>

Grande soddisfazione degli organizzatori, ripagati da una massiccia partecipazione di “camminatori” provenienti da tutta Italia.

Il via alle 10 in punto, alla presenza dell’ assessore allo Sport, Paola Nobis, e del delegato provinciale del Coni, Giuseppe Faugiana, ecco mossi i primi passi del Meeting nazionale Nordic walking Csi, che con oltre 350 partecipanti provenienti da tutta Italia, ha riempito in un lungo serpentone il percorso fresco di battesimo, delle sponde dei Laghi di Mantova, snodatosi da Campo Canoa, passando per il Castello di S. Giorgio fino a toccare la Valletta di Belfiore e ritorno passando da Cittadella e perimetrando il percorso del Lago di Mezzo con arrivo a Sparafucile. Undici km di natura, bellezze storiche cittadine, che non possono passare inosservate, per la loro imponenza e storia di un ricco passato del Ducato dei Gonzaga, ed il fascino dei laghi di Mantova che annoverano la città patrimonio Unesco a “La piccola Venezia” per il suo periplo di acqua che la circonda.

Un’ organizzazione imponente, che ha messo a dura prova il team organizzativo, capeggiato dall’instancabile ed inesauribile maestro e presidente del Nordic Walking Mantova, Luciano Comini, che grazie ai diretti collaboratori, ed agli sponsor, hanno potuto fare sfoggio di maestria: dall’accoglienza dei numerosi partecipanti, accompagnati dai propri istruttori, fino alla preparazione dei ristori sul percorso ed all’arrivo, ai gadget e premi a tutti i partecipanti con il ricordo di una maglietta evocativa che simbolicamente mette in evidenza il valore della manifestazione ed il ricordo della Citta’ di Mantova Capitale Europea dello Sport, 2019.

Al termine, con la presenza del presidente del Csi, Giancarlo Zanafredi, sono stati consegnati, i vari riconoscimenti, iniziando, dal gruppo proveniente da più lontano, seguito dai gruppi più numerosi e via via alle sezioni provinciali locali, che, grazie al contributo dei relativi istruttori, hanno incrementato il gruppone dei partecipanti

]]>
<![CDATA[ Ancora pochi posti disponibili per il pellegrinaggio in Terra Santa ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4260 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4260

Dal 2 al 6 gennaio 2020 il CSI organizza il pellegrinaggio in Terra Santa. Ancora pochi posti disponibili con partenza da Malpensa. Iscrizioni entro il 27 ottobre ]]>

Dal 2 al 6 gennaio 2020 il CSI organizza il pellegrinaggio in Terra Santa. Ancora pochi posti disponibili con partenza da Malpensa. Iscrizioni entro il 27 ottobre

Dal 2 al 6 gennaio, il CSI organizza il pellegrinaggio in Terra Santa, a conclusione delle celebrazioni del 75° anniversario di fondazione.

Ancora pochi posti disponibili, con qualche variazione rispetto alle comunicazioni precedenti.

- Partenza da Milano Malpensa ore 9:09 via Monaco - Arrivo a Tel Aviv ore 16:00

- Rientro da Tel Aviv ore 16:00 via Zurigo - Arrivo a Milano Malpensa ore 22:00

- Quota Euro 1.000 + supplemento camera singola  

- Iscrizione entro domenica 27 ottobre.

 

Da Tel Aviv si vivrà il pellegrinaggio con tutto il resto del gruppo, alberghi compresi, come da programma allegato.

 

Per maggiori informazioni contattare Franco Trevisi (della Duomo viaggi) al numero 3334051550 o mandare una mail di conferma a ftrevisi@duomoviaggi.it

]]>
<![CDATA[ A Ravenna le finali della pallavolo integrata ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4259 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4259

In Romagna dal 25 al 27 ottobre si disputa la 15ma edizione di “Oltre la Siepe” la rassegna nazionale di volley per disabili intellettivo-relazionali ]]>

In Romagna dal 25 al 27 ottobre si disputa la 15ma edizione di “Oltre la Siepe” la rassegna nazionale di volley per disabili intellettivo-relazionali

Dal 25 al 27 ottobre Ravenna ospita la 15ma edizione di “Oltre la Siepe” la rassegna nazionale di pallavolo integrata Csi. Sarà un’edizione record quella vedrà in campo 13 formazioni, in rappresentanza di 12 club provenienti da sette regioni italiane e da otto province, per un totale di quasi 150 tra atleti e accompagnatori. Si giocherà in tre impianti distinti: la palestra Moretti a Punta Marina Terme, la palestra scolastica di Marina di Ravenna e il PalaMattei in città. Sempre in crescita, dunque, il campionato nazionale di pallavolo per disabili intellettivo-relazionali, in collaborazione con il Csi Ravenna, che negli ultimi anni ha attirato l’attenzione anche della Fisdir (Federazione Italiana Sport Disabili Intellettivi Relazionali).

]]>
<![CDATA[ Il Csi a Palermo, sulle orme di don Puglisi ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4258 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4258

Nell’ambito del 75mo anniversario di fondazione del Csi, dal 18 al 20 ottobre, il Consiglio Nazionale Csi si terrà a Palermo nei luoghi familiari a Padre Pino Puglisi, il prete ucciso dalla mafia nel 1993 per il suo impegno evangelico e sociale, e proclamato Beato nel 2013. In programma oltre ai lavori consiliari un Convegno e una Messa ]]>

Nell’ambito del 75mo anniversario di fondazione del Csi, dal 18 al 20 ottobre, il Consiglio Nazionale Csi si terrà a Palermo nei luoghi familiari a Padre Pino Puglisi, il prete ucciso dalla mafia nel 1993 per il suo impegno evangelico e sociale, e proclamato Beato nel 2013. In programma oltre ai lavori consiliari un Convegno e una Messa

Tutto è pronto a Palermo per ospitare il seminario nazionale su sport e legalità, ispirato a don Pino Puglisi, figura straordinariamente attuale e adatta a rappresentare ciò che il Csi vuole essere.

Tra gli esempi più rari di uomo contro i potenti e i malavitosi, al Brancaccio, in particolare don Pino ha dato vita e corpo per i ragazzi del quartiere, tirandoli fuori dalla strada, sulla via della legalità.

Nell’ambito delle celebrazioni del 75mo anniversario di vita del Csi, dal 18 al 20 ottobre il Csi nel capoluogo siciliano terrà il Consiglio nazionale, presso la Chiesa del SS. Salvatore. Sabato 19 alle ore 10 sarà l’arcivescovo di Palermo Sua Eccellenza Mons. Corrado Lorefice a portare il suo saluto, quindi nel pomeriggio, a partire dalle ore 15 avrà luogo il Convegno: Padre Pino Puglisi e lo sport: dalle regole alla giustizia sociale, che vedrà oltre all’intervento del presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio, le testimonianze di due ragazzi del Centro di Accoglienza “Padre Nostro”, ente morale, fondato dal Beato Puglisi nel 1991.

Domenica 20 al mattino la Santa Messa alle ore 10,30 nella chiesa di San Gaetano, la parrocchia a Brancaccio, dove fu parroco il piccolo prete chiamato “3P”, celebrata dall’assistente ecclesiastico nazionale del Csi, don Alessio Albertini

]]>
<![CDATA[ Concluso il progetto #ReSport ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4257 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4257

Online le linee guida delle attività sportive per la riabilitazione e la partecipazione delle persone con disabilità ]]>

Online le linee guida delle attività sportive per la riabilitazione e la partecipazione delle persone con disabilità

È giunto alla conclusione, dopo 3 anni, il progetto europeo ReSport (European sports network for rehabilitation of persons with disabilities) il cui obiettivo è quello di sviluppare una serie di nuove attività, con un approccio innovativo alle strategie educative e sportive che includano anche le persone con disabilità nello sport. La partnership è costituita da Italia, Slovenia, Croazia, Portogallo, Regno Unito, Turchia, Ungheria e Francia.

Resport ha riunito organizzazioni, professionisti, persone con disabilità e loro familiari e chiunque condivida l’obiettivo delle pari opportunità. Le linee guida contengono una serie di indicazioni ed esempi di buone pratiche che aiuteranno tutti i lettori, terapisti, trainer, persone con disabilità, loro familiari e membri della società coinvolti, a definire e preparare programmi di attività sportive adatte e integrate per le persone con disabilità.

Sono indicati consigli su come condurre agevolmente programmi sportivi e ricreativi attraverso azioni appropriate e come monitorare gli utenti in varie attività sportive adattate, come identificare e prevenire possibili complicazioni durante le attività.

Le linee guida, consultabili in allegato, sono il risultato del lavoro di gruppo del team interdisciplinare di tutti i partner. Per il CSI hanno dato il loro contributo Michele Lepori (allenatore paralimpico CSI) referente del progetto, Alessandro Munarini (referente nazionale attività disabili CSI), Silvia Noci (commissione tecnica nazionale per disabili CSI) e Paolo Zarzana (allenatore nazionale CSI e CT nazionale italiana calcio amputati).

]]>
<![CDATA[ Campionato nazionale di Dodgeball ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4256 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4256

Riparte la nuova stagione con i tornei open maschile, open femminile e under 16 ]]>

Riparte la nuova stagione con i tornei open maschile, open femminile e under 16
Dopo il successo delle passate edizioni riparte la stagione del campionato nazionale di dodgeball, organizzato dal CSI in collaborazione con A.I.D.B. (Associazione Italiana Dodgeball). Sono aperte le iscrizioni dei campionati per le categorie Open, maschile e femminile, ed Under 16. Il Campionato è itinerante: le gare in calendario, infatti, si svolgeranno in concentramenti in varie località del territorio italiano. Al termine della “regular season” - con partite di andata e ritorno - le migliori quattro squadre si qualificheranno alla “final four” nazionale.
 
In allegato alla notizia la circolare e le note regolamentari del campionato. 
]]>
<![CDATA[ Monitoraggio Attività Legislativa: ecco il numero di Agosto-Settembre 2019 ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4255 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4255

]]>

È stato pubblicato sul ns. sito il numero di agosto-settembre della rivista “Monitoraggio attività legislativa”, a cura dell’Ufficio Strategie, Affari Legislativi e Relazioni con gli Stakeholders di Sport e Salute SpA. La rivista mensile (11 numeri all’anno), riassume tutti i provvedimenti sottoposti nel mese precedente a presentazione, ad esame e/o ad approvazione da parte del Consiglio dei Ministri, del Parlamento e delle Regioni e/o pubblicati in Gazzetta Ufficiale (ivi compresi i Progetti e i Disegni di Legge presentati in Parlamento da singoli Deputati e Senatori), in materia di sport o materie affini e collaterali ad esso. Insomma, è una sorta di “estratto conto” legislativo e parlamentare che rappresenta tutti i “movimenti” mensili e che ci dà un quadro completo e aggiornato non solo delle ultimissime disposizioni nazionali o locali, ma anche delle discussioni in atto e le possibili future leggi dello Stato sulle materie di nostro diretto o indiretto interesse.

In particolare, su questo numero, l’Assemblea di Montecitorio ha approvato definitivamente il DDL 2018/AC - TRIA, avente ad oggetto l’assestamento del bilancio 2019, che prevede un incremento pari a 60 milioni di euro da destinarsi ai maggiori trasferimenti agli organismi sportivi. Si attende la pubblicazione della Legge in Gazzetta Ufficiale e la conseguente entrata in vigore. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale i seguenti provvedimenti:

- Legge 8 agosto 2019, n. 86, recante il c.d. collegato sport;

- Legge 8 agosto 2019, n. 77, avente ad oggetto la conversione in legge del D.L. n. 53/2019, c.d. “Decreto Sicurezza bis”, che detta, tra l’altro, disposizioni urgenti in materia di contrasto alla violenza in occasione di manifestazioni sportive;

- Decreto del Ministero della Salute 11 giugno 2019, recante la revisione della lista dei farmaci, delle sostanze biologicamente o farmacologicamente attive e delle pratiche mediche, il cui impiego è considerato doping;

- Ordinanza del Ministero della Salute 1 agosto 2019, inerente la proroga e modifica dell’ordinanza contingibile e urgente 21 luglio 2011 e successive modif., in materia di disciplina delle manifestazioni popolari, pubbliche o private, nelle quali vengono impiegati equidi al di fuori degli impianti e dei percorsi ufficialmente autorizzati;

- Decreto Ministeriale n. 674 del 18 luglio 2019, del MISE, sulla Modifica di alcuni piani regionali relativi alla costruzione e messa in sicurezza di palestre e/o strutture sportive;

La rivista si conclude con l’esame di alcune Leggi Regionali in materia di sport: Friuli Venezia Giulia (provvedimento impugnato dal Governo), Sicilia per finanziamenti allo sport (provvedimento impugnato dal Governo), Sicilia per disposizioni in materia di diritto allo studio, Sicilia per disposizioni in materia di pesca sportiva, Emilia Romagna per Disposizioni a favore dell’inclusione sociale delle persone sorde, Lombardia per disposizione in materia di realizzazione di centri ippici (provvedimento impugnato dal Governo), Valle d’Aosta per Norme in materia di esercizio ad uso pubblico di piste di sci, Emilia Romagna per la Legge regionale contro le discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere, Veneto per disposizioni in materia di movimentazione degli equidi (provvedimento impugnato dal Governo).

La rivista è facilmente “leggibile”, in quanto non contiene gli articolati testi di legge, ma solo un brevissimo e scorrevole sunto del loro contenuto; tuttavia contiene tutti i riferimenti per trovare sui motori di ricerca o sui siti istituzionali il testo integrale di ciascun provvedimento pubblicato, qualora se ne volesse approfondire la conoscenza. La rendiamo disponibile a Comitati CSI ed Associazioni Sportive, come utile servizio formativo nell’ottica di migliorare la cultura e la professionalità degli operatori e dei dirigenti.

La raccolta completa di TUTTI i numeri pubblicati dal gennaio 2016 ad oggi, la si può trovare liberamente scaricabile sul ns. sito nazionale (sezione "Servizi al Territorio"), al link in alto a destra, e comunque anche al link qui a fianco.

]]>
<![CDATA[ La detassazione dei ricavi da tesserati alla stessa Organizzazione sportiva nazionale ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4254 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4254

]]>

La Circolare 18/E della Agenzia delle Entrate, nel paragrafo 7 prevede che, i soggetti verso i quali le ASD e SSD svolgono attività "decommercializzate" (cioè detassate), sono in primo luogo gli “associati” alle stesse. A seguire la Circolare specifica anche che ciò si applica, tuttavia, anche alle attività effettuate dall’ASD/SSD verso i frequentatori e/o praticanti che non rivestono la qualifica di “soci”, a condizione che i destinatari delle attività risultino, come previsto dalla norma, "tesserati" dalle rispettive Organizzazioni nazionali, vale a dire tesserati della Federazione Sportiva Nazionale, dell’Ente di Promozione Sportiva o della Disciplina Sportiva Associata cui è affiliato l’ente sportivo dilettantistico.

In sintesi, e per esempio, tutti i proventi derivanti da attività svolte da una società affiliata CSI non solo verso i propri tesserati CSI ma anche verso tutti i tesserati CSI d’Italia per la stessa attività, sono detassati; a patto, ovviamente, che tutti i fruitori siano effettivamente tesserati CSI, e ciò apre un fronte enorme nei confronti di quelle società sportive che, illuse di effettuare un “risparmio” senza correre rischi, usano non tesserare tutti i propri praticanti, ma solo una parte. Per contro, i proventi derivanti da tesserati ad altre FSN/DSA/EPS, o quelli da “praticanti non tesserati”, non possono godere di questo beneficio, e tutto diventa attività commerciale fiscalmente rilevante, da fatturare e su cui versare IVA e IRES.

A titolo di esempio concreto: se una ASD di nuoto affiliata al CSI eroga un corso di avviamento alla pratica del nuoto a soggetti già tesserati presso il CSI per il tramite di un'altra ASD, il relativo incasso è da considerarsi "decommercializzato". Così non è, invece, se il corsista sia un tesserato di un altro Ente di Promozione Sportiva per il tramite di un'altra ASD pur avendo entrambe le ASD come propria attività istituzionale la promozione della disciplina sportiva del nuoto.

Facciamo un altro esempio ricorrente: una ASD/SSD impegnata nella promozione del basket ed affiliata al CSI, concede l'utilizzo della propria palestra ad altra ASD/SSD che svolga la stessa attività ed affiliata sempre al CSI, la "decommercializzazione" del provento ottenuto è assicurata. La "decommercializzazione" non è invece concessa se l'ASD/SSD che riceva in affitto lo spazio palestra risulti affiliata non al CSI, ma, per esempio, solo alla FIP o ad un altro Ente di Promozione Sportiva. E ciò pur se entrambi i sodalizi svolgano la medesima attività di promozione del basket.

In sostanza la Circolare interpreta l'espressione dell'«unica organizzazione locale o nazionale» limitandola all'appartenenza alla medesima Federazione Sportiva o Ente di Promozione Sportiva o Disciplina Sportiva Associata; vale a dire che i ricavi sono detassati qualora derivino da propri soci o propri tesserati, oppure derivino da altre ASD/SSD e loro soci e tesserati a patto che:

  • svolgano la stessa attività
  • siano affiliati/tesserati per il medesimo Organismo Sportivo (ad es. con il CSI)

Questa interpretazione, in verità, lascia alcune lacune da colmare:

1) per stessa attività si intende “la stessa disciplina sportiva” o più genericamente “attività sportiva”? In sintesi, se una ASD concede l’uso dei propri locali ad una associazione culturale per svolgere un convegno non sportivo, i ricavi dovranno essere ovviamente tassati; ma, la domanda è questa, dovranno esserlo anche quelli di una ASD di basket del CSI che concede i l’uso dei locali ad una ASD di pallavolo sempre del CSI? A che titolo, se vi si gioca il basket non è attività commerciale mentre se vi si gioca la pallavolo lo è?

2) Il CONI, che gestisce il Registro 2.0, non può in effetti essere riconosciuto come “unica Organizzazione nazionale”? Se così fosse, e crediamo che lo sia, allora in una lettura più obiettiva della Circolare 18/E, una ASD di pallavolo CSI e una ASD di pallavolo FIPAV sono comunque praticanti della stessa attività e fanno comunque parte della stessa Organizzazione nazionale (il CONI) in quanto da esso riconosciute ai fini sportivi e iscritte allo stesso Registro.

L’auspicio è che il legislatore si accorga di queste lacune e le sani (lo potrebbe fare, volendo, con un semplice decreto o un emendamento alla prossima Legge Finanziaria), in modo da chiarire in modo inequivocabile che non si sta facendo da parte della amministrazione finanziaria dello Stato una “caccia alle streghe”, ma con spirito di collaborazione si vuole fare chiarezza ribadendo che, nella lettura più ampia possibile della volontà del legislatore, i ricavi da “attività sportiva” (genericamente intesa, senza distinzione tra le discipline ammissibili) dovrebbe essere sempre considerata “detassata” qualora si svolga: a favore di propri soci/tesserati, ovvero di ASD e loro soci/tesserati aderenti allo stesso Ente Sportivo o infine, più generalmente, a favore di ASD/SSD e loro soci/tesserati che siano riconosciute ai fini sportivi dal CONI e facciano parte dello stesso Registro 2.0.

Questa lettura, come detto, concederebbe la necessaria chiarezza ad una materia fin troppo intricata ed esposta a cattive interpretazioni da parte delle autorità di controllo, ma anche di malevoli declinazioni da parte di FSN/DSA/EPS che inducono ad affiliazioni “di comodo” solo per la fruizione della fiscalità di vantaggio. Forse l’obiettivo vero dovrebbe essere quello di perseguire le vere "elusioni", cioè quelle di ASD/SSD oppure di Enti di Promozione Sportiva che usano, a scopo speculatorio, non tesserare tutti i praticanti, con qualche ripercussione anche di tipo assicurativo in caso di infortunio, materia sulla quale già vige da lungo tempo un decreto di obbligo assoluto di tesseramento assicurativo di tutti i praticanti.

]]>
<![CDATA[ A Varese il secondo meeting di #SportsIdentity ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4253 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4253

]]>

Il secondo meeting del progetto europeo Sports Identity, si è svolto dal 26 al 27 settembre presso la sala meeting dell’hotel “Le Robinie” a Varese.

Durante l’incontro i referenti progettuali delle 5 associazioni partner, hanno discusso sulla prima produzione della raccolta di Buone Pratiche ad oggi conosciute, per prevenire la radicalizzazione violenta nell’ambiente sportivo.

Il centro di alta formazione sportiva francese CREPS, effettuerà prima un’analisi sulla situazione attuale del fenomeno della radicalizzazione in Europa, i contesti socio-politici, i giovani più a rischio per poi passare alla descrizione di prevenzione nello sport. È stata poi presentata la guida metodologica per lo sviluppo della cittadinanza sportiva.

Il prossimo appuntamento è per Febbraio 2020, per un momento di formazione sul campo di formatori/coach, dove il partner ospitante CEIPES presenterà le attività sportive e le metodologie di lavoro raccolte. Queste saranno oggetto di analisi e discussione per la produzione di un Kit di strumenti e attività utili per educatori e operatori sportivi.

]]>
<![CDATA[ Campionato nazionale di Tchoukball ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4252 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4252

Riparte la nuova stagione arancioblu con i campionati “Open” Misto – Serie A e Serie B. In rampa di lancio anche la categoria Under M15 ]]>

Riparte la nuova stagione arancioblu con i campionati “Open” Misto – Serie A e Serie B. In rampa di lancio anche la categoria Under M15

Prenderà il via il 13 ottobre 2019 il Campionato nazionale di Tchoukball per le categorie “Open” Misto – Serie A, organizzato dal CSI in collaborazione con la Federazione Tchoukball Italia.

Nel Campionato di serie A vi partecipano le squadre che hanno acquisito il diritto nella scorsa stagione sportiva, mentre a quello di serie B possono partecipare tutti e le iscrizioni chiuderanno il 10 ottobre.

Il Campionato sarà itinerante sul territorio con partite di andata e ritorno e sarà l'occasione per promuovere e far conoscere questa appassionante disciplina sportiva.

Il 24 novembre, invece, è in programma l'inizio del Campionato nazionale per la categoria Under M15, a cui ci si potrà iscrivere entro il 15 novembre.

In allegato alla notizia la circolare e le note regolamentari del campionato. 

]]>
<![CDATA[ #WowFestival, buona la prima ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4251 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4251

Giochi, esibizioni, corsi di formazione e convegni nel grande spazio espositivo. Belle scoperte fra il simpatico Pafball, il curioso Tchoukball e il vivace TeamGym. Su riforma dello Sport e Terzo Settore, avanti il dialogo fra Enti di Promozione ]]>

Giochi, esibizioni, corsi di formazione e convegni nel grande spazio espositivo. Belle scoperte fra il simpatico Pafball, il curioso Tchoukball e il vivace TeamGym. Su riforma dello Sport e Terzo Settore, avanti il dialogo fra Enti di Promozione

Non di solo calcio, nuoto o volley vive lo sport italiano. È quanto emerso dalla prima edizione del Wow Festival, la kermesse che il Centro Sportivo Italiano ha dedicato a nuovi sport emergenti. Fra la curiosità e la simpatia dei giochi Malpensa fiera ha accolto nell’ultimo weekend di settembre un migliaio di atleti, numerosi genitori, tanti dirigenti di società sportive. Tanto lo stupore. Wow festival è stato infatti una grande vetrina per far gol a pafball, camminare insieme con la giusta tecnica del nordic walking, guardare con slancio ai giochi elettronici come pure riflettere sul benessere interiore grazie al tai-chi ed al wushu. Nel solco della sua tradizione il Csi punta dunque nuovi orizzonti, guardando all’innovazione, sperimentando nuove tendenze, senza voler inseguire fenomeni di moda, piuttosto un modo nuovo per rilanciare sfide educative.

Ancora poco conosciute, insolite, non convenzionali in rassegna ecco in fiera spuntare le prese volanti dell’Ultimate Frisbee o anche i “bloccaggi” del dodgeball, una palla avvelenata 2.0, passando per i tavoli dei giochi di ruolo e alle console dei sempre più diffusi E-Sport. E ancora minigolf, tchoukball, danza, biliardino.

Tante le discipline sperimentate nella due giorni lombarda, nell’appuntamento che rientrava nel progetto Coni 2019 "Let's Play Sports!".

Soddisfatto il presidente nazionale CSI, Vittorio Bosio: «Non abbiamo fatto altro che mettere a sistema quello che facciamo da 75 anni, ci siamo aperti ai nuovi sport e ci siamo rinnovati alla ricerca di una identità precisa sempre condividendo i valori con cui l’Associazione è nata. Al Wow festival abbiamo messo insieme sport non del tutto strutturati, simpatici, per offrire loro uno spazio che non avrebbero mai avuto».

Non solo pratica sportiva, ma anche convegni, corsi di formazione e numerosi stand per approcciare al meglio queste discipline e far avvicinare tecnici, dirigenti sportivi e semplici curiosi. Fiscalità, comunicazione e innovazione sono stati alcuni fra i principali argomenti degli incontri.

Oltre alla meraviglia delle esibizioni atletiche e sportive, le preoccupazioni derivanti dalle politiche sportive del Paese. Tra Riforma dello Sport e Terzo Settore, alcuni Enti di Promozione Sportiva (Csi, Pgs, Uisp, Us Acli) si sono confrontati nel convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze” che ha visto intervenire i rispettivi presidenti nazionali delle tre associazioni di base. L’auspicio comune di un dialogo con le Istituzioni in vista dei decreti attuativi della Riforma dello Sport, e un quadro in via di definizione per quanto riguarda il Registro del Terzo Settore.

Tra i tanti spunti di riflessione, immancabile al Wow festival quello dell’assistente ecclesiastico nazionale del Csi, don Alessio Albertini, che ha esortato i presenti a seguire l’esempio di Gesù ed essere originali, con la formula dell” “anche se”: «Trovate il coraggio di intraprendere strade nuove anche se nessuno le segue, di perdonare gli altri anche se abbiamo di fronte un nemico. Siate anticonvezionali con il vostro volontariato e chiedetevi chi siamo oggi e cosa vogliamo essere, perché chiederselo è già anticonvenzionale».

 

Appuntamento allora al prossimo anno, per un’edizione ancora più ricca di sport e nuove sorprese.

 

]]>
<![CDATA[ CSI, UISP, PGS e US ACLI, insieme per promuovere lo sport ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4250 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4250

Al Wow festival confronto tra enti di promozione sportiva durante il convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze” ]]>

Al Wow festival confronto tra enti di promozione sportiva durante il convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze”

Nella seconda giornata del Wow festival il convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze” ha visto il confronto di alcuni tra i più importanti enti di promozione sportiva. Al tavolo con il Presidente nazionale del Csi Vittorio Bosio, e il presidente del Csi Milano, Massimo Achini, anche Ciro Bisogno, Presidente nazionale PGS; Vincenzo Manco, Presidente nazionale UISP; Damiano Lembo, Presidente nazionale US ACLI.

Dopo i saluti di Mons. Raimondi, che ringrazia gli enti presenti per il loro modo di fare sport, il benvenuto di Fabio Lunghi, presidente della Camera di Commercio di Varese, e la testimonianza di Luca Bassilichi, ideatore della startup Sporteams, ha inizio il convegno moderato dal direttore generale CSI Michele Marchetti.

Riforma dello sport e terzo settore, enti e federazioni, sport e salute; questi i temi principali toccati durante il convegno. 

]]>
<![CDATA[ Rassegna nazionale di Danza Sportiva “UNITI per la DANZA” ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4249 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4249

Viareggio (Lu) 27 ottobre 2019 ]]>

Viareggio (Lu) 27 ottobre 2019

Domenica 27 ottobre 2019 si terrà a Viareggio (Lu), presso l’Auditorium E.Caruso nel Teatro Pucciniano, la Rassegna nazionale di Danza Sportiva “UNITI per la DANZA”. Danza Classica, Contemporanea, Moderno, Hip Hop, WellDance le specialità previste nel regolamento. Musica per tutti i gusti e per tutte le età. Saranno protagonisti dai giovanissimi ballerini della categoria "bambini" (dai 6 ai 10 anni), fino agli "adulti" riservata ai danzatori più esperti. 

Il termine ultimo per aderire all’iniziativa è il 22 ottobre 2019.

In allegato alla notizia la circolare e il regolamento.

]]>
<![CDATA[ Sport per la vita: il benessere integrale della persona attraverso la pratica sportiva ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4248 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4248

Informazione, formazione e sensibilizzazione le tre azioni della campagna nazionale del Csi per combattere la diffusione del doping nel mondo dello sport. ]]>

Informazione, formazione e sensibilizzazione le tre azioni della campagna nazionale del Csi per combattere la diffusione del doping nel mondo dello sport.

Educazione, inclusione, amicizia, benessere, gioco e sacrificio. Sono queste le parole chiave della campagna “Sport per la vita: il benessere integrale della persona attraverso la pratica sportiva”. Il Csi è risultato tra i soggetti assegnatari del “Programma di ricerca e di formazione/informazione 2017 sui farmaci, sulle sostanze e pratiche mediche utilizzabili a fini di doping e per la tutela della salute nelle attività sportive” promossa dalla Sezione per la vigilanza ed il controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive del Comitato Tecnico Sanitario del Ministero della Salute.

Il progetto intende evidenziare le tutele per praticare attività sportive in modo corretto e rispettoso del proprio organismo, anche nella prevenzione degli infortuni, e combattere la diffusione del doping nel mondo dello sport. Tutto questo attraverso una campagna di informazione, formazione e sensibilizzazione per raccontare la bellezza dello sport, ripartendo proprio dai suoi valori fondanti e originari. 

«Il Csi ha sempre messo al centro la persona, non il campione, e perciò siamo particolarmente attenti affinché chi si approccia all’attività sportiva lo faccia in maniera sana e corretta. Il problema del doping nello sport di base è innanzitutto un problema culturale. Questo progetto - afferma il presidente nazionale Csi Vittorio Bosio – vuole offrire una prima informazione importante, per favorire uno sport autentico, senza ricorrere a pericolose scorciatoie. L’atleta professionista ha il deterrente dei controlli ed è seguito costantemente da uno staff medico. Per tutti gli altri il vero rischio è il “fai da te”. La finalità di questa campagna è di mettere il doping in fuorigioco».

Nell’ambito della campagna sono stati realizzati e diffusi dei video tematici ispirati ai contenuti della carta dei principi “Sport at the service of humanity” condiviso dalla Santa Sede, dal Comitato Olimpico Internazionale (CIO) e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) in occasione del primo convegno internazionale “Sport e Fede” organizzato in Vaticano. Attraverso l’intervento di testimonial e di esperti, i video fanno riferimento ai 6 valori dello sport, abbinati a parole chiave e a 6 discipline sportive.

I video possono essere utilizzati liberamente per organizzare incontri formativi e di sensibilizzazione per il contrasto al doping rivolti a ragazzi, giovani e famiglie.

 

]]>
<![CDATA[ Speciale Wow Festival ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4247 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4247

]]>

Dal 27 al 29, il Centro espositivo di MalpensaFiere (Va) sarà la cornice del Wow festival, la prima edizione della kermesse CSI dedicata alle discipline sportive emergenti. Si tratta di un’occasione per conoscere, approfondire e interpretare alcuni fenomeni, tra gioco, sport e divertimento.

In questa sezione del sito è possibile seguire tutti gli aggiornamenti relativi ai principali momenti del Festival.

Seguici anche sui social attraverso l'hashtag #WowFestival o il sito wowfestival.it

FOTOGALLERY --> http://bit.ly/2ngmMZO

]]>
<![CDATA[ “Wow Festival” uno sport mai visto prima ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4246 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4246

Dal 27 al 29 settembre un grande spazio espositivo gratuito. Un fitto programma tra giochi, esibizioni, corsi di formazione e convegni. Focus sulle nuove tendenze sportive che il Csi intende valorizzare ]]>

Dal 27 al 29 settembre un grande spazio espositivo gratuito. Un fitto programma tra giochi, esibizioni, corsi di formazione e convegni. Focus sulle nuove tendenze sportive che il Csi intende valorizzare

Varese 25 settembre 2019 - Dal 27 al 29 settembre 2019, il Centro espositivo polifunzionale MalpensaFiere (Busto Arsizio), farà da cornice al Wow Festival, la prima edizione della kermesse dedicata a nuovi sport emergenti. Si tratta di alcune discipline ancora poco conosciute, insolite, divertenti e ricreative che il Centro Sportivo Italiano intende promuovere e valorizzare.

In vetrina Tchoukball, PafBall, Dodgeball, KinBall, Biliardino, Danza sportiva, E-sport, Giochi di ruolo, Nordic Waking, Tai-chi, Teamgym, Ultimate Frisbee, WellDance, Wushu. Sarà dunque “effetto Wow”, con nuovi gusti, nuove tendenze, tante sfumature e declinazioni, per stupire gli spettatori, che visiteranno l’evento lombardo. Attesi infatti tanti ragazzi e ragazze da scuole, oratori e società sportive limitrofe.

I giorni del Wow Festival, appuntamento che rientra nel progetto Coni 2019 "Let's Play Sports!", hanno in programma anche convegni, corsi di formazione e numerosi stand per approcciare al meglio queste discipline e far avvicinare tecnici, dirigenti sportivi e semplici curiosi.

L’ingresso alla fiera sarà gratuito e aperto a tutti, sia per i convegni sia per le tante attività di gioco. La caratteristica principale del Wow festival sarà inoltre l’accessibilità dei suoi sport: per tutti, praticabili da squadre miste, facilmente adattabili, aperti anche ai diversamente abili.

 

«Il gioco e lo sport hanno oggi diverse sfaccettature, sfuggenti alle etichette – afferma il presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio - Sport destrutturati? Giochi a bassa intensità agonistica? Stiamo vivendo un’epoca di grandi cambiamenti. Oltre ai giochi e agli sport arcinoti, ve ne sono altri meno conosciuti: alcuni ci faranno discutere, altri più spiritosi e divertenti ci piaceranno subito. Il Csi ha sentito la necessità di farli coesistere e vivere, promuovendoli nel Wow Festival, valorizzando così le loro specifiche componenti educative e culturali».

 

A salutare il varo del Wow Festival il sindaco di Busto Arsizio e presidente della provincia di Varese Emanuele Antonelli: «Sono davvero lieto che il territorio ospiti una manifestazione così originale che rappresenterà una vera a propria vetrina per discipline sportive ancora poco conosciute, ma sicuramente attrattive e coinvolgenti, soprattutto per i più giovani.  Un grazie al Csi per aver scelto MalpensaFiere e Busto per far conoscere al grande pubblico queste novità, con tutti i valori sportivi e sociali che portano con sè: il nostro è un territorio di sportivi e il pubblico non mancherà di essere presente, come lo è sempre quando si parla di sport».                                                  

 

Particolarmente efficace per la realizzazione dell’evento il contributo di Promo Varese, azienda della Camera di Commercio di Varese. «Ospitiamo nel nostro Centro Espositivo Polifunzionale MalpensaFiere questa kermesse dedicata alle discipline emergenti – sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Fabio Lunghi – consapevoli della valenza anche educativa di questi sport non convenzionali: rappresentano un fenomeno di massa, cui guardare con grande attenzione. Wow Festival ci permette allora di entrare in contatto con i tanti appassionati e le loro famiglie, proseguendo in un percorso di valorizzazione dello sport con la sua valenza turistica, cui dedichiamo grande attenzione nell’ambito del nostro progetto Varese Sport Commission».

Nella conferenza stampa odierna tenutasi presso la Camera di Commercio di Varese, ente patrocinatore dell’appuntamento che apre di fatto la stagione associativa arancio blu, sono intervenuti il presidente nazionale del Csi, Vittorio Bosio, il segretario generale della Camera di Commercio di Varese, Mauro Temperelli, il presidente regionale del Csi Lombardia, Paolo Fasani, il presidente del Csi Varese, Redento Colletto, e Michele Marchetti, direttore generale del Csi.

Il Festival strutturato in quattro aree vedrà nello spazio “Agon” dimostrazioni dell’aspetto agonistico e competitivo delle nuove discipline sportive; nell’Agorà e nel Forum luoghi di confronto, ascolto, relazioni, scambio di idee. Infine l’Academy sarà uno spazio di apprendimento, istruzione e formazione con esperti e professionisti del settore. Qui la Scuola Nazionale Tecnici del Csi proporrà, con uno staff di docenti assai qualificato, ben 4 eventi formativi.

Ricco di significato si preannuncia il convegno “La promozione sportiva per la crescita dei giovani: tra riforme, attese e speranze”. A confronto alcuni tra i più importanti enti di promozione sportiva. Sabato 28 settembre alle 16 interverranno infatti Vittorio Bosio, Presidente nazionale CSI; Ciro Bisogno, Presidente nazionale PGS; Vincenzo Manco, Presidente nazionale UISP; Damiano Lembo, Presidente nazionale US ACLI.

 

]]>
<![CDATA[ I campioni del km da fermo ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4245 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4245

Sul gradino più alto del podio 9 atleti veneti. Due le maglie conquistate da ciclisti marchigiani ]]>

Sul gradino più alto del podio 9 atleti veneti. Due le maglie conquistate da ciclisti marchigiani

Domenica 22 settembre si è svolta a San Giovanni Lupatoto (VR) la gara ciclistica del chilometro con partenza da fermo, valida anche come prova unica per l'assegnazione del titolo di campione nazionale CSI di specialità.

La manifestazione, organizzata dalla S.C. Lupatotina nell'ambito della settimana dello sport promossa dal Comune di San Giovanni Lupatoto, si è svolta su un tracciato completamente chiuso al traffico. Breve ed interminabile allo stesso tempo, la prova è una lunga volata da solista dove agilità, esplosività, forza, potenza e capacità di resistenza devono essere ben bilanciate.

La grande festa ciclistica, iniziata con la sfilata della banda e delle majorettes lungo il percorso di gara, si è chiusa nella piazza centrale di San Giovanni Lupatoto con la cerimonia di premiazione alla presenza di rappresentanti dell'amministrazione comunale e del lupatotino Massimo Strazzer, detentore dal 2001 del record italiano di specialità.

A salire sul gradino più alto del podio per ricevere la medaglia d'oro e la maglia di campione nazionale CSI di specialità sono stati per lo più gli atleti veneti, con una netta maggioranza di quelli iscritti al comitato CSI di Verona, mentre sono due i titoli conseguiti da ciclisti marchigiani.

 

Ecco nel dettaglio i campioni nazionali CSI 2019 del chilometro con partenza da fermo. In allegato le classifiche.

 

Categoria

Nominativo

Società

Elite Sport

Luca Zanella

S.C. Lupatotina

M1

Mattia Corsi

S.C. Olimpica Dossobuono

M2

Andrea Carlotto

Team Tagliaro Rana

M3

Federico Cavallaro

S.C. Lupatotina

M4

Geremia Lovato

Team Tagliaro Rana

M5

Enrico Fioretti

F.D. Steel Macerata

M6

Giovanni Zanatta

I Falchi di Tuxon

M7

Dario Gasparini

Polisportiva Oppeano ASD

MW1

Alessandra Papa

F.D. Steel Macerata

MW2

Silvia Albanese

Team Tagliaro Rana

 

]]>
<![CDATA[ A Budapest il meeting finale del progetto #Resport ]]> http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4244 http://www.csi-net.it/index.php?action=pspagina&idPSPagina=4244

Da lunedì 10 fino a giovedì 12 settembre ultimo appuntamento per i partner del progetto europeo Resport, a Budapest per il meeting finale ]]>

Da lunedì 10 fino a giovedì 12 settembre ultimo appuntamento per i partner del progetto europeo Resport, a Budapest per il meeting finale

Ultimo appuntamento per i partner del progetto europeo Resport, a Budapest per il meeting finale. Da lunedì 10 fino a giovedì 12 settembre, i partner hanno partecipato a seminari tenuti da esperti locali, sperimentando diverse attività.

Hanno visitato una cooperativa sociale che produce cioccolato di alta qualità e che lavora con persone con autismo. Grazie al progetto Resport, la cooperativa ha una nuova sede che permette di organizzare vendita diretta e corsi (aiuto alle famiglie, sensibilizzazione, orientamento all’autosufficienza...) oltre a laboratori di produzione in cui ad insegnare sono i ragazzi con autismo.

I partner hanno visitato il centro paralimpico di tiro a segno, disciplina severa che richiede grandi sforzi fisici e mentali. Nella parte paralimpica sa essere molto inclusivo, dando spazio a tutti (con diversi livelli di attrezzature) di partecipare alle stesse gare. Un aspetto rilevante perché non comune a molti altri sport, dove i ragazzi sono disposti in diverse categorie.

Dopo tre anni di attività, i partner hanno creato un portale con tante informazioni e suggerimenti su come adattare e progettare l’attività sportiva per ogni tipo di disabilità http://resportelearning.com/. Il sito contiene delle linee guida per atleti, coach e società sportive: un database di conoscenze a 360° sullo sport per persone disabili, focalizzato su aspetti riabilitativi e di integrazione, ad ottobre saranno disponibili online le Linee guida Resport tradotte in italiano.

]]>