10 dicembre 2014

I ragazzi della Junior TIM Cup ospiti del ChievoVerona

Una delegazione di ragazzi dell'Oratorio della Parrocchia San Pietro Apostolo di Arbizzano, del torneo di calcio a 7 riservato agli under 14, promosso da CSI, TIM e Lega Serie A, si è allenata insieme ai gialloblù

Bardolino (VR), 10 dicembre 2014 – Reciproca emozione quella vissuta oggi pomeriggio dai ragazzi della Junior TIM Cup – il torneo di calcio a 7 riservato agli under 14 promosso da CSI, TIM e Lega Serie A - e dai giocatori dell’A.C. ChievoVerona, presso il  Centro Sportivo “Veronello” di Bardolino (VR), per un pomeriggio all’insegna dei valori più genuini che il gioco del calcio riesce a trasmettere.

Una delegazione di 20 ragazzi dell'Oratorio della Parrocchia San Pietro Apostolo di Arbizzano è stata ospitata dall’A.C. ChievoVerona e si è allenata insieme ai giocatori Alberto Paloschi, Alessandro Gamberini, Erwin Zukanovic, Ivan Radovanovic e Nicolas Frey. Un pomeriggio nel quale l’entusiasmo e la passione dei ragazzi della Junior TIM Cup hanno contagiato tutto l’ambiente gialloblù con lo scambio dei gagliardetti e la realizzazione di videomessaggi per la campagna contro il cyberbullismo #IlBulloèUnaPalla.

La Junior TIM Cup, giunta alla terza edizione, vede protagonisti gli oratori delle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2014-2015 e ha già coinvolto 18mila ragazzi di tutta Italia. Come per gli anni precedenti alcune partite verranno disputate negli stadi in cui giocano le squadre del massimo campionato, durante il pre-partita dei match di Serie A TIM. A Verona, domenica 21 dicembre, le squadre degli oratori Sant’Agostino e Santi Zenone e Martino giocheranno nel pre-gara di Hellas Verona – A.C. ChievoVerona allo stadio “Bentegodi”.

Centro Sportivo Italiano, TIM e Lega Serie A tornano così in campo promuovendo e sostenendo una competizione di calcio giovanile che, oltre all’aspetto sportivo, celebra quel patrimonio di valori, storie e buone pratiche che costituiscono il riferimento del progetto di TIM “Il calcio è di chi lo ama”.